Rumori molesti, prima causa tra i litigi in condominio


Rumori molesti




Rumori molesti, è spesso la causa di litigi e di discussioni tra vicini e soprattutto all’interno dei palazzi, ma cosa succede nel condominio? A cosa si va incontro se il rumore diventa un abitudine? Il primo consiglio prima di trascendere è di discuterne durante le riunioni di condominio periodiche.

Ai tempi d’oggi in qualsiasi condominio si vada a vivere si tende a litigare sempre più per tantissime cose ma ciò che più irrita spesso e volentieri, vista la casistica, sono le urla eccessive dei bambini, i cani che abbaiano, il camminare con i tacchi, lo spostamento di mobili ma anche il via vai di persone in tarda serata.

Rumori e molesti e come comportarsi

Non solo i bambini  fanno scatenare litigate epiche tra i vicini, spesso si  arriva anche alle mani, ma tra le varie cause condominiali sempre più spesso ci sono anche gli animali domestici in particolar modo i cani che per ogni minima cosa abbaiano di continuo.

Per cercare in ogni modo di evitare scontri esistono regolamenti ben precisi che vanno seguiti alla lettera che vietano i rumori e che impongono orari di gioco che non vanno minimamente ad interferire con quelli del riposo e pasto. La maleducazione dei bambini spesso comunque è determinata in gran parte dall’incapacità del genitore stesso mamma o babbo che purtroppo non da delle regole e non sa gestire la situazione, ma qualche volta anche dalla poca intolleranza degli adulti soprattutto se di una certa età.




Cosa rientra nel “rumore”

Non abbiamo terminato, tra i motivi principali di litigi che si riscontrano ci sono gli odori estremamente fastidiosi che provengono da altre case specialmente quando si cucina, il volume alto della televisione o radio, scarpe con il tacco, sedie spostate di continuo e molto altro ancora.

Che dire, se non volete avere nessun tipo di problema con il vicinato vi consigliamo assolutamente di cercare di fare meno caos possibile in particolar modo in quelle ore dove per legge non è permesso. La regola di base è sempre la stessa usare il buon senso, è buona norma ad esempio avvertire i condomini tramite le bacheche condominiali che un determinato giorni faremo dei lavori scusandoci per il disturbo recato, questo fa parte dell’educazione, del senso civico e anche un po’ di “astuzia”.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.