Orto, come mantenerlo se andiamo in vacanza


Orto




Nel post di oggi vedremo 5 soluzioni veramente efficaci per annaffiare le piante quando si parte per le meritate vacanze in modo da avere il nostro personale km o al nostro rientro da portare in tavola.

Annaffiare le piante quando si è fuori casa è un problema non di poco conto per tantissime persone. Se non si ha la possibilità di assegnare il compito a persone fidate, ci sono per fortuna dei validissimi metodi alternativi che noi personalmente vi consigliamo di adottare.

Annaffiare le piante quando sei in vacanza, le esigenze sono importanti

Per poter scegliere la soluzione migliore per innaffiare le piante quando non si è in casa, bisogna tenere in considerazione le differenti necessità idriche di una pianta. Diverse, infatti, resistono alla siccità per diverso tempo, altre invece hanno bisogno di tantissima acqua o nel peggior dei casi hanno paura dei ristagni o eccessi idrici.




State molto attenti alle acidofile come le fucsia, gardeniee e ortensie: per questo genere di fiori, meglio optare per acqua non calcarea.

Annaffiare le piante quando sei in vacanza, le 5 migliori soluzioni  secondo noi

Bottiglia a testa in giù

Per annaffiare qualunque tipo di pianta quando si è fuori casa, une delle migliori soluzioni fai da te è sicuramente la bottiglia di plastica, un metodo consigliato quando si manca solo per qualche giorno. Bisogna riempire la bottiglia e fare 1 max 2 piccoli fori, sul fondo e sul tappo, cosi che l’acqua fuoriesca il più lentamente possibile. Dunque conficcate il contenitore nel vaso.

I prodotti

L’acqua complessata in gel o le biglie d’acqua sono in grado di irrigare in maniera graduale le piante per tantissimi giorni.

L’irrigazione automatica

Per poter annaffiare le piante quando si va in vacanza e non solo, potete valutare anche l’acquisto di un sistema di irrigazione automatico.

La pacciamatura

Per riuscire a mantenere il più possibile l’umidità delle piante, ritorna di vitale importanza una pacciamatura, ovvero la distribuzione di ghiaia, altri materiali o corteccia.

Annaffiatura e capillarità

Ultima soluzione per poter annaffiare le piante quando si è fuori casa in vacanza è quella di sfruttare il fenomeno della capillarità: nel  terriccio potete senza problemi inserire degli erogatori o un cono di terraccotta che, affidandosi a dei piccili tubicini, avranno il compito di prendere l’acqua da un contenitore.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.