Ottobre, prato: come cambia l’irrigazione dopo l’estate


irrigazione del prato




Irrigazione del giardino, ecco come cambia dopo il periodo estivo. L’irrigazione del prato e delle piante in generale richiede delle specifiche attenzioni, a seconda del cambiare del clima.

Ogni periodo dell’anno richiede un genere d’irrigazione diversa per modalità e tempi, che si può avere usando irrigatori da giardino, o eventualmente procedendo alla realizzazione di un impianto irrigazione giardino che funzioni sopratutto durante l’inverno.

Irrigare il prato dopo l’estate è fondamentale per svariate motivazioni. Spesso e volentieri bisogna affidarsi ad un sistema d’irrigazione manuale, utilizzando pompe apposite; in altre circostanze invece basterà semplicemente predisporre un impianto di irrigazione interrato o fuoriterra, che grazie a dei temporizzatori appositi e sistemi in grado di rilevare la presenza di precipitazioni, daranno un valido aiuto a curare il prato e le piante presenti nel vostro giardino nell’arco di tutto l’anno.

Come avere un prato verde e sano in inverno

Come è risaputo nel corso dei mesi più caldi dell’anno il prato va costantemente annaffiato dalle tre massimo quattro volte alla settimana, con una quantità di acqua che sia in grado di inumidire circa 20 cm di terreno. Il consiglio è quello di annaffiare nel corso della notte, in maniera che l’acqua abbia tutto il tempo necessario di penetrare in profondità prima di evaporare.




Il periodo estivo è la stagione in cui il giardino richiede più attenzioni rispetto alle altre stagioni, ma è anche il periodo dell’anno in cui tanti si domandano come si mantiene il prato e le piante mentre si va in vacanza. In queste circostanze per arginare il problema basta acquistare un ottimo impianto di irrigazione caratterizzato di programmatore elettronico, la soluzione perfetta per un’irrigazione uniforme, curata nei dettagli e nell’ora migliore: anche mentre si è fuori casa o in vacanza.

Detto questo, tornando a noi, terminata l’estate e arrivati nel mese di ottobre con l’autunno e l’inverno alle porte le piante e il prato non hanno più necessità di avere un’irrigazione regolare: è giunta l’ora di mettere a riposo l’impianto di irrigazione.

Le tubazioni interrate non vanno incontro a nessun tipo di pericolo con il freddo: infatti, sono completamente isolate termicamente dallo stesso stato di terriccio che le va a ricoprire; tra le altre cose, le valvole apposite di drenaggio vanno ad evitare qualunque ristagno di acqua all’interno.

E’ consigliato, tuttavia, chiudere il circuito di acqua a monte dell’impianto e, nel caso si usi uno o diversi programmatori a batteria, tenete bene a mente di eliminarli dalla presa d’acqua riponendoli all’interno.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.