Caldaia, anticipare i controlli annuali per evitare problemi


Caldaia




Mettere in atto la manutenzione caldaia periodicamente è fondamentale in vista dell’inverno e bisogna seguire scadenze precise. Parliamo di un appuntamento estremamente importante sia per riuscire a garantire un corretto funzionamento del generatore di calore sia per andare ad evitare sanzioni pecuniarie previsti dalla legge.

Entrando nello specifico, il funzionamento corretto della caldaia, è essenziale per riuscire a consumare meno e ciò si traduce in inquinamento minore ambientale ma anche un risparmio economico importante.

Quali sono i controlli da effettuare per la manutenzione caldaia?

Quando si sente parlare di manutenzione caldaia serve differenziare la periodica revisione, conosciuta con il termine di manutenzione ordinaria, dal controllo dell’efficienza energetica, ovvero la classica verifica dei fumi.

La revisione periodica della caldaia serve per garantire la sicurezza dell’impianto in generale, la diminuzione dell’inquinamento e il risparmio energetico. Per questo genere di operazione non è indicata una precisa periodicità ma specifica solamente che i controlli bisogna farli da ditte specializzati e abilitate, seguendo le varie istruzioni dell’impresa installatrice. In poche parole, le scadenze saranno differenti in base al genere di impianto e il modello di caldaia.




Per venire a conoscenza ogni quanto bisogna far controllare la caldaia, dovete dunque tassativamente attenervi a quanto è riportato nelle istruzioni d’utilizzo dell’impianto stesso. Se invece non riuscite a trovare alcuna indicazione ne’ sul libretto dell’apparecchio ne’ sul manuale d’istruzione, allora dovete obbligatoriamente rispettare alla lettera la periodicità prevista dalle norme UNI e CEI.

Di solito, tuttavia, sono indicati controlli da fare con cadenza biennale o annuale. Il compito dei controlli dev’essere compiuto dal responsabile dell’impianto, corrispondente all’utilizzatore dell’alloggio – inquilino o proprietario che sia – o all’eventuale amministratore del condominio, in caso si parli di impianti centralizzati.

Tra le altre cose il responsabile dell’impianto deve assolutamente dare in affidamento i controlli a un tecnico abilitato riconosciuto dal Comune.

Quanto costa la manutenzione caldaia?

Il prezzo della manutenzione caldaia cambia in base alla Regioni e l’azienda a cui si si affida per questo genere di lavori, ma di solito si parla di costi compresi fra un minimo di 60 euro e un massimo di 80 euro, mentre se si decide di eseguire un controllo dei fumi  – che consiste nell’analizzare la combustione dell’ossido di carbonio che si concentra nell’impianto – si arriva fino a 100 euro e più.

I Comuni, infine, provvedono a effettuare controlli a campione, di cui gli utenti sono informati con due settimane di anticipo tramite apposite lettere.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.