Caldaia, come si può calcolare la potenza


Caldaia




In tanti acquistano una caldaia a caso senza valutare fattori importanti che non andrebbero trascurati per evitare di fare acquisti incauti e che non servono. La scelta di un apparecchio di questo genere va fatta in maniera ponderata senza aver fretta, cercando di evitare il più possibile di lasciarsi attirare dal costo allettante, da una promozione alla quale è difficile resistere o da un consiglio di un amico che ne ha installato una di recente.

Analizzare prima di tutto costi e bisogni reali

Prima di spendere soldi inutilmente nell’acquisto di una caldaia, infatti, vi consigliamo vivamente di analizzare i vostri reali bisogni e necessità, se  non siete in grado di farlo basta rivolgersi ad esperti del settore che in questo caso vi sapranno dare tutte le indicazioni del caso.

Va detto che ogni struttura presenta caratteristiche diverse ed è per questo che bisogna saper calcolare al meglio la potenza caldaia. Una struttura costruita da poco, in pratica, avrà sicuramente necessità di un grado di isolamenteo termico superiore rispetto ad un appartamento vecchio, che non ha subito alcun lavoro di riqualificazione energetica negli ultimi anni.

Come si calcola la potenza della caldaia

La potenza della caldaia si misura ed esprime in KW, di solito in un range compreso fra i 24 e 35 Kw.




Come già accennato poco sopra, ogni struttura richiede logicamente un approccio diverso, dunque andiamo a vedere passo dopo passo un metodo efficacissimo di calcolo molto facile, basato prevalentemente sul fabbisogno termico.

Per riuscire a svolgere in maniera corretta un calcolo approssimativo del fabbisogno termico si può usare tale formula:

  • superficie da riscaldare (in metri) x fabbisogno di calore specifico (kW/m²)

Dunque, bisogna mettere in atto una semplice moltiplicazione, prendendo due lati, il primo quello che corrisponde ai metri cubi della vostra abitazione, il secondo quello del cosidetto fabbisogno di calore specifico.

Il fabbisogno di calore specifico non è altro che un coefficiente che spazia fra i 0.3 e 0,5 fino ad un massimo consentito di 0,8, in base al grado di coibentazione della casa.

Se ad esempio vivete in un appartamento recente e coibentato a dovere, potrete tranquillamente usare come parametro di riferimento quello più basso, caso contrario, dunque in presenza di una struttura vecchia, potrete inversamente optare per il valore massimo.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.