Sanificazione climatizzatore, è obbligatoria?   


Sanificazione
Technician spraying chemical water onto air conditioner coil to clean and disinfect




Fra la primavera e l’estate è bene effettuare la sanificazione del climatizzatore che invece si utilizzerà intensivamente in estate.

Sanificazione e pulizia profonda

In tal senso si intende una pulizia approfondita dell’elettrodomestico: se ci si affida ad un tecnico specializzato, rientrando in un’operazione di manutenzione ordinaria, il costo non sarà molto oneroso (circa 100 euro).

Questo prezzo salirà in base al numero degli split del climatizzatore.




Si può effettuare la pulizia anche da soli, sia quella dei filtri che dell’erogatore: i primi, immergendoli in acqua e aceto e asciugando con cura prima di montarli di nuovo, utilizzando un panno asciutto; il secondo, invece, con uno spray antigermi.

La manutenzione ordinaria e quindi la sanificazione del climatizzatore è importante perché ci si potrà accorgere per tempo di eventuali danni, come dei filtri da sostituire.

Ma anche perché in questo modo si avrà sicuramente aria più pura e salubre, libera da polvere, batteri e altri agenti estranei che così non entreranno a contatto con chi la respirerà.

In più, si avranno migliori performance in termini di funzionamento dell’elettrodomestico che rinfrescherà meglio l’aria e farà meno rumore.

Non meno importante, con la sanificazione, si risparmierà anche sulla bolletta dell’energia.

Se queste operazioni possono anche essere svolti da soli, altre operazioni sono da farsi svolgere necessariamente a tecnici come il controllo di eventuali perdite di gas refrigerante e la ricarica del climatizzatore.

Infatti, se il climatizzatore non raffredda più come un tempo, c’è da presupporre la presenza di una perdita (soprattutto se, nonostante la pulizia dei vari pezzi dell’elettrodomestico, questo sembra comunque non funzionare a dovere).

Per quanto riguarda invece i climatizzatori installati nei posti di lavoro, secondo il Decreto legge 81 del 2008, “Gli impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori” ovvero ogni due anni


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.