Controllo caldaia 2021, è bene iniziare a verificare  


Controllo caldaia




È bene iniziare ad effettuare il controllo della caldaia. Secondo la normativa vigente (DPR 74/2013), tutti gli impianti termici devono essere sottoposti a controlli e manutenzioni periodiche. Nel caso di sostituzione informatevi sempre se ci sono sgravi caldaia da ottenere.

Periodicamente, si dovrà effettuare:

  • la manutenzione, ovvero tutte le operazioni utili a preservare nel tempo le prestazioni degli apparecchi e/o dei componenti ai fini della sicurezza, della funzionalità e del contenimento dei consumi di energia. In particolare, la manutenzione periodica della caldaia è sempre obbligatoria. Se si tratta di caldaie domestiche, sotto ai 100kW, l’obbligo è quasi sempre annuale
  • il controllo dell’efficienza energetica, o prova fumi o bollino, che deve essere eseguito obbligatoriamente con cadenze prestabilite. Per le caldaie autonome di casa, che ovviamente hanno potenze inferiori ai 100 kW, la frequenza varia in base al tipo di combustibile. Nello specifico, se la caldaia fosse alimentata con combustibile liquido o solido, come gasolio, pellet, legna, il controllo di efficienza dovrebbe essere effettuato ogni 2 anni. Invece per le caldaie che sono alimentate a gas come ad esempio il metano o il GPL, ogni 4 anni. Anche se l’impianto non è acceso da molto tempo, ma è potenzialmente attivabile in qualsiasi momento, bisogna eseguire la manutenzione obbligatoria.

Il controllo di efficienza deve essere effettuato anche alla prima messa in servizio dell’impianto oppure nei casi di sostituzione della caldaia e di interventi che modificano l’efficienza energetica del sistema.

Rapporto di controllo di efficienza energetica

Al termine del lavoro, il professionista dovrà rilasciare un documento dal titolo “rapporto di controllo di efficienza energetica”.

È bene effettuare il controllo della caldaia non solo per la propria sicurezza, per avere un impianto sempre efficiente e per risparmiare sulla bolletta ma anche per non incorrere in sanzioni che vanno dai 500 ai 3000 euro.




In Italia le autorità competenti hanno il compito di effettuare ispezioni e accertamenti per verificare il rispetto delle norme sulla manutenzione periodica delle caldaie.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.