Il mercato immobiliare nel 2017, ripresa lenta ma costante


Il mercato immobiliare nel 2017, ripresa lenta ma costante




Il mercato immobiliare nel 2017

Secondo una ricerca di gromia.com è emersa una ripresa nel mercato immobiliare italiano, lenta ma costante nel campo residenziale.
Si evince che nell’anno in corso le compravendite hanno subito un balzo in avanti del 3,8% rispetto all’anno precedente. In questo modo è possibile riconoscere una ripresa del mercato immobiliare, in grado di allontanare lo spettro ancora recente, della crisi del mercato immobiliare del 2012.
Per quanto riguarda la distribuzione del mercato immobiliare residenziale, è necessario dire che si differenzia in base alle diverse zone dell’Italia.

Oltre al mercato riguardante la compravendita, va anche verificato l’andamento degli affitti, che non sempre segna un trend in salita e di sicuro a volte, è ritenuto anche meno economico rispetto all’acquisto di un immobile. I problemi che si verificano di certo, riguardano anche la disponibilità di reddito dell’eventuale acquirente, ma anche lo stile di vita che nel corso degli anni è mutato, insieme alle abitudini lavorative degli italiani.
Vediamo quali sono le prospettive relative al 2017, riguardo gli affitti e le compravendite.

L’andamento degli affitti nel 2017

Negli ultimi anni la vita è diventata sempre più dinamica e spesso l’attività lavorativa diventa stressante, poiché si è costretti ad effettuare anche cambiamenti di città per poter continuare a lavorare. In questo caso molte sono le persone costrette a traslocare per dei periodi più o meno lunghi, a seconda dei contratti lavorativi. In questo modo la domanda degli affitti di case diventa sempre più crescente, soprattutto per quanto riguarda le maggiori città italiane.

Per far si che questo concetto diventi più comprensibile, è bene fare gli esempi delle grandi città italiane come Roma e Milano, dove sempre più spesso i proprietari degli appartamenti tendono a mantenere gli affitti alti, la durata dei contratti si protrae per lunghi termini. Sono pochi infatti, proprietari che propongono contratti di affitto temporanei e molti che hanno bisogno proprio di questa soluzione. Si crea in questo modo, una domanda spropositata rispetto all’offerta. Ciò di sicuro, non è salutare per questo tipo di mercato che viene fuori già da grosse difficoltà, affrontate in questi anni.
Nel caso di Milano, secondo i dati registrati a novembre del 2017 per gli immobili in affitto di tipo residenziale, l’aumento del prezzo di una locazione varia nella percentuale di 3,82%. Mentre, per quanto riguarda Roma vi è una diminuzione dei prezzi di circa un punto percentuale.




Su Milano, le richieste di affitto sono cresciute in modo esponenziale

Infatti secondo i dati di gromia.com si può dire che vi è una grande ripresa delle locazioni ma anche della valutazione del valore immobiliare. Il mercato quindi sta dando dei segnali, anche se lenti.
In questa zona le offerte di vendita di immobili saranno maggiori, rispetto a quelle di affitto. Ciò accade perché i proprietari di immobili trovano più vantaggiosa questa formula che gli permetta di ricavare una somma in denaro immediata, piuttosto che sobbarcarsi tasse sugli immobili e pericoli legati all’affitto di un appartamento e della sua manutenzione ordinaria e straordinaria.
Si ricade poi nella situazione dove Milano possiede più di settantamila alloggi non affittati, perché l’offerta non è adeguata alla domanda, che come è stato già detto, è davvero alta.

L’incremento è possibile vederlo per l’8% delle abitazioni che vengono affittate come arredate, per non parlare di stanze singole o da dividere con altri inquilini, dove le cifre toccano più dei 600 euro. Il problema però, non riguarda solo i prezzi ma anche la qualità che non sempre è adeguata al prezzo, in negativo.
L’offerta spesso coincide con immobili siti in zone periferiche e mal servite, anche se i prezzi in questo caso diventano di poco, accessibili.
È possibile anche incorrere in truffe o in contratti temporanei dalle dubbie condizioni. Pochi infatti, sono quelli che utilizzano la formula del canone concordato. Altri invece, in concerto con agenzie immobiliari, si stanno attrezzando per promuovere un canone cosiddetto low cost, da proporre ai potenziali clienti, che cercano appartamenti in affitto.

Andamento delle compravendite immobiliari nel 2017

La crescita in questo campo è continua anche se vi è un congelamento circa le intenzioni di acquisto di
un immobile. Si tratta di una cautela giustificata dalla congiuntura economica che si è venuta a creare,
poiché chi richiede un mutuo per l’acquisto, non sempre dispone un reddito che superi 1800 euro al
mese. In questo caso una capacità reddituale bassa condiziona la ripresa del mercato, a vantaggio dei
contratti di affitto.
Si può però verificare in questo campo, un balzo in avanti per il sud dell’Italia, del 5% ed in coda ci sarà il
nord ovest con la crescita delle compravendite pari a 4,3% ed in coda il nord est ed il centro che
presenta delle percentuali in salita ma in linea. Infatti si parla del 3,6%.

Per chi può permettersi l’acquisto di una casa, dovrà fare i conti con le superfici a disposizione e i prezzi
a metro quadro, non sempre sono accessibili a tutti. Per questa ragione oltre a ridimensionare le
aspettative, bisognerà rivedere anche le dimensioni degli appartamenti che verranno acquistati
oggigiorno.
Nelle grandi città aumenta la superficie che viene venduta e comprata, con una percentuale pari al
3,5%. Viene confermata l’incidenza delle abitazioni vendute che abbiano una superficie che oscilla tra i
cinquanta metri quadri e i 115 metri quadrati. Questi sono immobili che coprono un terzo del mercato
immobiliare atto alla compravendita. A Milano si parla di cifre in diminuzione mentre aumentano nel
sud Italia, in maniera esponenziale.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*