Ristrutturare casa per disabili, le agevolazioni in corso


Ristrutturare casa per disabili, le agevolazioni in corso




Ristrutturare casa può significare eliminare le barriere architettoniche e agevolare i movimenti e gli spostamenti di persone disabili.  Eliminare quelli che possono rappresentare un motivo d’intralcio per favorire la comodità in casa. Prima di tutto è bene sapere da dove iniziare a ristrutturare casa.

A volte è richiesta la necessità di ristrutturare casa anche per compiere attività basilari, come salire una scala per accedere al piano superiore della propria casa o passare da una porta che per qualsivoglia motivo risulti troppo stretta.

Agevolazioni per ristrutturare casa per disabili

La legge prevede alcune agevolazioni ristrutturazioni per compiere lavori atti a eliminare le barriere architettoniche. Un esempio può essere la detrazione Irpef del 50%, fino ad un massimo di 96mila euro se la spesa è stata sostenuta sino a dicembre 2017 o del 36%, fino a 48mila euro, se le spese sono state effettuate nel 2018.

Altre importati agevolazioni ristrutturazioni sono rappresentate dalla realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione o dalla sostituzione di gradini con rampe, sia negli edifici che nelle singole unità immobiliari, se conforme alle prescrizioni tecniche previste dalla legge sull’abbattimento delle barriere architettoniche, vengono rimborsate totalmente.




Bonus fiscali del 2018

Bonus fiscali ristrutturazioni di fondamentale importanza, inoltre, sono: l’aliquota Iva agevolata al 4%
anziché quella ordinaria per nuova installazione o sostituzione di ascensore preesistente, installazione e
sostituzione di montacarichi preesistente con altro avente caratteristiche diverse da quelle preesistenti.
Per quanto riguarda gli ausili, è possibile usufruire della detrazione del 19% sull’acquisto di mezzi
necessari al sollevamento del disabile, tra le spese sanitarie. Questa agevolazione non è fruibile
contemporaneamente a quella per i lavori di ristrutturazione.

Le agevolazioni ristrutturazioni possono essere applicate anche agli interventi in bagno, potendo
usufruire dell’aliquota Irpef agevolata sulla realizzazione di  servizio igienico interno. Stesso trattamento
riservato anche per la sostituzione di impianti sanitari ma a condizione che sia integrata o correlata a
interventi maggiori per i quali spetta l’agevolazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.