Autocertificazione impianto elettrico come funziona?


Autocertificazione impianto elettrico come funziona?




Se si sta acquistando oppure affittando una casa, è necessario provvedere sempre al controllo per quanto concerne l’impianto elettrico. L’impianto elettrico infatti, deve essere a norma e quindi il proprietario è opportuno che fornisca la certificazione dell’impianto elettrico di quella determinata struttura.

L’impianto elettrico solitamente prevede un costo da sostenere per riuscire a renderlo adeguato da un punto di vista strutturale e normativo ed è per questo motivo che sarà necessario, prima di procedere all’acquisto oppure alla vendita di una determinata struttura, andare a verificare se effettivamente sono stati rispettati tutti i requisiti a norma di legge. Molto spesso si parla dell’ autocertificazione di un impianto elettrico. In realtà, l’impianto elettrico deve avere sempre una dichiarazione di conformità

Un autodichiarazione per garantire la certificazione dell’impianto elettrico

Per garantire la certificazione di un impianto elettrico bisognerà sempre provvedere alla
dichiarazione di conformità. Questo documento deve essere rilasciato da un tecnico specializzato che
ha visionato oppure installato l’impianto stesso. In alcuni casi, oltre la dichiarazione di conformità si
potrebbe anche puntare sul DIRI, che è un documento di rispondenza che è diverso dalla certificazione
di conformità, ma sicuramente non può essere equiparato ad un’ autocertificazione. Gli impianti
elettrici però, in alcuni casi non possono proprio essere confermati dal Diri.

Infatti, se avete bisogno di chiedere l’agibilità di un immobile oppure di vendere una casa, allora dovete
sempre avere con voi tutta la documentazione fatta da un tecnico. Per tutti gli immobili costruiti
prima del 2008, si può utilizzare la dichiarazione di rispondenza purché sia redatta da una serie di soggetti previsti in quello che è il decreto ministeriale 37 del 2008 quindi, servirà una figura tecnica abilitata per redigere questo tipo di documento. Per gli impianti successivi al 2008, invece, sarà necessario avere sempre una certificazione della conformità dell’impianto. Un’ autocertificazione fatta da parte vostra non può avere un valore in nessun caso.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.