Pannelli radianti, quale pavimento utilizzare?


Pannelli radianti, quale pavimento utilizzare?
Fonte foto: edilportale.com




Il riscaldamento con pavimenti radianti è senza dubbio una delle soluzioni che offre un miglior comfort abitativo dato i suoi numerosi vantaggi tra cui: bassa umidità, assenza di movimenti d’aria e una temperatura uniforme e non per ultimo anche risparmiare sui riscaldamenti. Il tutto senza contare la libertà nell’arredamento dovuta all’assenza di ingombro. Senza contare il risparmio energetico dovuto al fatto che si lavora con temperature basse che ben si combinano con caldaie efficienti.

Una delle scelte che si fanno quando si ha un riscaldamento a pavimento radiante riguarda il tipo di pavimento da porre sopra l’impianto. Molti privati alle prese con la questa scelta hanno chiesto agli esperti di Habitissimo la soluzione ideale. Ecco qui un breve guida alla scelta.

In realtà non ci sono particolare limiti alla scelta del pavimento da porre sopra gli impianti escludendo materiali che con il calore potrebbero sprigionare sostanze nocive nell’aria. E’ importante però considerare che la scelta del pavimento va stabilita prima della creazione dei massetti per fare le giuste scelte in termini di spessori e materiali, sapendo che la tipologia di pavimento può incidere sulla resa dell’impianto radiante. Ma guardiamo i vantaggi e gli svantaggi di 5 pavimenti in concreto:

Indice dell'articolo




Parquet

Il parquet viene spesso combinato con il riscaldamento a pavimento, ma rappresenta la soluzione più complessa perchè richiede particolari accorgimenti in fase di posa. Rispetto al gres ad esempio, la resa è inferiore di circa il 30%. Lo spessore è un’altra variabile che ha la sua influenza e rende più idoneo lo stratificato rispetto al massello. Alcuni legni non sono adatti a questo utilizzo rispetto ad altri, perché è necessaria una tenuta stabile e quindi un’essenza poco soggetta alla dilatazione termica come rovere o noce oppure legni esotici il teak. La posa ideale è quella con colla di tipo elastico per adattarsi alle dilatazioni termiche, mentre quella flottante consente di poter intervenire con maggiore semplicità in caso di guasti. Perché scegliere un parquet con un riscaldamento radiante? Il motivo è presto spiegato, perché il legno è un cattivo conduttore del calore, lo trasmette poco, ma in compenso lo trattiene molto bene.

Marmo

Nonostante si tratti di un materiale tendenzialmente freddo, il marmo si combina molto bene con il riscaldamento radiante a pavimento. Si tratta infatti di un materiale non isolante, con una conducibilità termica pari a 3,4 W/(mK), tra i valori più alti. La propagazione del calore non viene dunque ostacolata attraverso il suo spessore.

Gres porcellanato

Il gres porcellanato, come anche altri materiali ceramici, consente una buona trasmissione del calore. Attraverso la sua superficie il calore viene diffuso uniformemente e lo spessore sottile garantisce una migliore trasmittanza termica che raggiunge 1,3 W/(mK). Di conseguenza, minore è questo spessore maggiori saranno i consumi energetici perché si potranno mantenere temperature più basse ottenendo molto velocemente temperature ottimali nell’ambiente.

Cotto

Altro pavimento con buona trasmittanza termica è il cotto, che ha un valore di 0,9 W/(mK), inferiore comunque a marmo e gres porcellanato. Il vantaggio in questo caso è dato dalla composizione naturale del pavimento che esposto al calore non darà luogo alla formazione di sostanze potenzialmente nocive. In aggiunta il cotto ha buone capacità di mantenimento del calore, caratteristica ideale per questo sistema di riscaldamento.

Resina

Anche i pavimenti in resina sono buoni conduttori di calore e soprattutto hanno uno spessore molto sottile. Questo tipo di pavimento si concilia bene con il riscaldamento a pavimento in virtù della sua elasticità e garantisce una buona risposta agli sbalzi termici, evitando la creazione di crepe e lesioni. In aggiunta, avendo un pavimento in resina in caso di perdite o guasti all’impianto sarà semplice ripristinare la pavimentazione, soprattutto se si fa un’applicazione a spatola.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.