Bollette gas mercato libero quale fornitore scegliere?


Bollette gas mercato libero quale fornitore scegliere




Bollette mercato libero, si sente spesso ultimamente parlare di tutto ciò. Ma quale fornitore scegliere tra i tantissimi in circolazione? Scegliere ai tempi d’oggi una tariffa luce e gas che conviene non è assolutamente semplice. Il confronto tra i costi gas e luce può risultare più difficile del previsto, soprattutto se si sta scegliendo un nuovo gestore per ottenere un risparmio bollette casa.

Come Scegliere il fornitore Luce e Gas nel 2019

Gli elementi principali da prendere in considerazione per trovare la giusta compagnia luce e gas low-cost che faccia al proprio caso sono diversi e l’ordine di importanza dipende sopratutto dalle abitudini di consumo.

Senz’altro ciò a cui prestare attenzione prima di tutto è il costo del kWh: è il costo gas e luce a fare la differenza a tutti gli effetti tra un operatore più caro rispetto ad uno più vantaggioso. Il costo complessivo gas e luce cambia da un operatore all’altro ed in bolletta lo si ritrova in spesa materia energia per la luce e per quanto concerne il gas in spesa materia prima.

Analizzando il resto delle voci che si trovano in bolletta luce ed in bolletta gas, come oneri per il trasporto e gestione del contatore più oneri di sistema, sono stabilite rigorosamente all’Autorità dell’energia e non subiscono variazioni da un gestore all’altro.




In poche parole, il confronto vero e proprio tra un gestore o l’altro va fatto analizzando il costo dell’energia elettrica, in euro al chilowattora e per quanto concerne il gaso metano il prezzo in euro al metro cubo. Le offerte presenti in circolazione sono diverse e in qualche caso il costo comprende più oneri, ed è per questo che bisogna valutare il tutto nel miglior modo.

Come scegliere il prezzo dell’energia elettrica in base alle fasce orarie

Per quanto concerne l’energia elettrica si possono scegliere tra molte offerte in base alle fasce orarie: le opzioni sono la bioraria e la monoraria. I contatori di ultima generazione elettronici della luce sono idonei a registrare i consumi divisi nelle varie fasce orarie. Per i clienti domestici spesso le 3 fasce vengono accorpate in due, ovvero:

  • F1 ore diurne dal lunedì al venerdì dalle 8 del mattino alle 19
  • F23 ore serali e notturne weekend, festivi e tutti i giorni dalle ore 19 alle 8

In conclusione, la miglior tariffa tra bioraria e monoraria dipende sopratutto dalla distribuzione del consumo elettrico. Tra l’altro, nella scelta corretta di un operatore vanno ad influire anche altre variabili, come la qualità del servizio clienti.

Scegliete con cura il fornitore cosi da non avere nel tempo alcun ripensamento.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.