Climatizzatori 2019, casa fresca ma senza sprechi


Climatizzatori 2019




Scegliere i climatizzatori 2019 ormai è diventato molto difficile in particolar modo perché il mercato offre tantissimi modelli anche se la prima scrematura la si fa con la classe che ci permette di abbassare i consumi climatizzatore. Acquistare ad oggi un climatizzatore di ultima generazione significa avere la propria casa costantemente fresca senza alcuno spreco. Andiamo a scoprirne di più.

Climatizzatori 2019, arriva il caldo e l’estate

L’estate è finalmente in dirittura d’arrivo, il caldo man mano inizierà a farsi sentire in tutta Italia e non solo, ed entreranno cosi in gioco i climatizzatori, che potranno essere una fonte di spreco energetico notevole in grado di incidere pesantemente sulle bollette. Ogni estate, conti alla mano, gli italiani arrivano a spendere in media 410 euro totali per quanto concerne l’energia che viene utilizzata dai climatizzatori; per fortuna la maggior parte dei prodotti che stanno debuttando sul mercato nel corso del 2019 sono in grado di rinfrescare perfettamente la casa senza sprecare troppo.

Evitare sprechi: ecco come

Un climatizzatore perfetto per il proprio appartamento è senza dubbio quello con classe energetica A+++. Climatizzatori di questo tipo ormai sono caratterizzati tutti anche di inverter. Per chi ad oggi non ne avesse mai sentito parlare parliamo di una tecnologia che consente adi adattare il regime di funzionamento del compressore alla temperatura reale della stanza – più aria fresca serve – stanza con finestre chiuse e diverse persone all’interno – più va veloce, meno ne serve – stanza chiusa con due persone – più va piano – e duque di diminuire drasticamente i consumi elettrici: fino al 30% su ben 8 ore di funzionamento senza sosta.




Calibrare bene le temperature

Tra le altre cose, calibrando al meglio l’emissione del freddo o del caldo sulla base delle reali esigenze richieste dall’ambiente, la tecnologia inverter è in grado di stabilizzare nel miglior modo la temperatura, che tende a cambiare in questa maniera di soli 0,5 gradi intorno a quella preimpostata, contro i ±2°C dei tradizionali climatizzatori on/off.

Infine, è consigliato procedere all’acquisto di un climatizzatore con il funzionamento in
corrente continua – DC – invece che quelli dotati di corrente alternata – AC -: è di gran
lunga meno rumoroso e in particolar modo diminuire notevolmente gli sprechi energetici
non incidendo minimamente sulla bolletta.

Scegliete con cura il vostro climatizzatore e se siete poco esperti rivolgetevi ad un vero
esperto cosi da non commettere il minimo errore.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.