Controllo climatizzatore, prevenire prima dell’arrivo del caldo


Controllo climatizzatore




È meglio effettuare un controllo climatizzatore anticipando l’arrivo del caldo questo perché come sempre è meglio prevenire che curare. Ecco tutto ciò che c’è da sapere in merito.

La scorsa estate tutti voi ricorderete benissimo il gran caldo che ha colpito tutta Italia anche se tutti non vedono l’ora che inizino finalmente le belle giornate. Per fortuna in nostro soccorso ci sono i climatizzatore a rendere il caldo più sopportabile.

Controllo climatizzare e attenzione alla temperatura

Per chi non lo sapesse, la temperatura perfetta per quanto concerne la salute in generale, è di 6-7 gradi in meno rispetto alla temperatura che si percepisce esternamente, mentre per dimimuire drasticamente i consumi sarebbe perfetto restare intorno ai 25 gradi, più la temperatura è alta minori ovviamente saranno i consumi.




Parlando di manutenzione, essendo davanti a prodotti domestici, i climatizzatori non richiedono una manutenzione eccessiva, se non per quanto concerne la pulizia dei filtri e consigliamo vivamente anche di fare controllare il gas refrigerante ogni anno, da professioni del settore logicamente.

Ristagno d’acqua e batteri

La cosa più importante di tutti è quella di evitare il ristagno di acqua dove i batteri con il passare del tempo possono proliferare. Il mercato ad oggi mette a disposizione diversi climatizzatori, ad esempio ultimamente quelli più in voga sono gli Split fissi che hanno il compressore esterno e l’apparecchio interno a parete. Si trovano modelli che tendono in particolar modo a rinfrescare altri equipaggiati di una pompa di calore utile anche per riscaldare gli ambienti durante l’inverno. I modelli di ultima generazione sono caratterizzati di sistema inverter che tiene stabile la temperatura tenendo bassi anche i relativi consumi e dunque i prezzi contenuti.

I modelli Multi split invece, sono dotati di un compressore esterno e più elementi interni. Installare il tutto risulta un po’ più difficile ma si possono stabilire temperature diverse per i vari ambienti.

I prezzi variano in base al modello che si sceglie

Per un utilizzo corretto di questi prodotti, infine, consigliamo di riparare l’elemento esterno dalla luce diretta del sole, tenendo finestre e porte ben chiuse negli ambienti dove li accendete, evitando dispersioni ed i consumi, ma in particolar modo evitando una temperatura di gran  lunga più bassa di quella esterna, sia per questioni di consumi che per la salute in generale.

Organizzatevi al meglio con i climatizzatori acquistandone uno di qualità o facendo fare un’ottima manutenzione a quello già in vostro possesso cosi da contrastare fin da subito il caldo afoso.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.