Come decorare casa con le tende… non solo sulle finestre!


Come decorare




La stoffa è forse tra i materiali che più si prestano ad essere usati e ri-usati mille volte: pensate solo ai vestiti, tende, tappeti, ma anche borse, scarpe, accessori, e ancora tovaglie, canovacci e centrini. I campi di utilizzo dei vari tipi di stoffa sono davvero i più disparati. Oggi, però, vorrei parlarvi più nel dettaglio del mondo della biancheria da casa e, nello specifico, delle tende.

Passione tende

Se ci pensiamo un attimo, questo accessorio è quello che da la rifinitura all’intero ambiente domestico e che aiuta non solo a proteggere la privacy dei suoi abitanti, ma ha anche una funzione termoregolatrice: in inverno la sua presenza contribuisce ad isolare il calore dei termosifoni facendolo rimanere all’interno di casa (evitando che fuoriesca dalle finestre, i punti deboli delle mura); in estate la presenza delle tende contribuisce al procedimento contrario, tiene fuori il caldo cercando di mantenere fresco l’ambiente.

Ciclicamente, proprio come avviene con il guardaroba, può scattare quella sottile, impalpabile e insaziabile voglia di rinnovamento di casa: un cuscino nuovo sul divano, un soprammobile diverso, un runner per il tavolo del salone al posto del solito centrotavola rotondo, un nuovo paio di tende… I modi sono tanti, ma poi cosa fare con i vecchi tessuti d’arredamento, il cui unico difetto è spesso solo quello di essere stati un po’ troppo in vista e per questo esserci venuti a noia? Quando la stoffa è ancora buona esistono molti escamotage, non necessariamente legati alla macchina da cucire, che vi consentono di avere degli oggetti nuovi a un prezzo decisamente irrisorio. Vediamo ad esempio cosa fare proprio con le tende.




Riciclo creativo: tendaggi

In commercio è disponibile una vasta gamma di tende tra cui scegliere, un po’ come i vestiti nel nostro armadio: stoffe leggere (come lino, cotone e chiffon) o più pesanti (sul genere dei broccati); colori chiari o scuri, tinta unita o fantasia; dalle forme lineari o stondate, arricciate, lisce o traforate. Insomma, chi più ne ha più ne metta! Per questo motivo le tende sono l’accessorio che più si presta ad essere modificato: sapete che in tempo di guerra le nostre nonne e bisnonne cucivano gli abiti della famiglia (specie dei più piccoli) tagliando proprio la stoffa dei tendaggi e della biancheria da letto?

Fortunatamente di questi tempi non è più così necessario, ma è bene, un po’ per il portafoglio, un po’ per l’ambiente, cercare di risparmiare quanto possibile, per cui proviamo a dare un’occhiata a cosa possiamo fare con i tendaggi che abbiamo sostituito e che non ci interessa rimettere alle finestre.

Copriletto 

Le tende più grandi possono essere tranquillamente riutilizzate come copriletto. A meno che non abbiate i soffitti di casa vostra a sette o a dieci metri d’altezza (e allora può volerci l’intervento della macchina da cucire), le misure dei tendoni sono in molti casi perfetti per il vostro letto matrimoniale.

Taglia e cuci

In generale tutte le tende hanno una forma regolare e questo offre infinite possibilità per chi è abbastanza pratico di taglio e cucito. Qualche idea? Da tende più grandi si possono ritagliare tende più piccole; i ritagli sono perfetti per creare sacchettini portaconfetti o porta lavanda per i cassetti; si può prendere spunto dalle sapienti mani delle nostre nonne e creare abiti per i più piccoli della famiglia, magari coordinandoli con i loro pupazzi preferiti. Avete bisogno di tovagliette per la cucina? Ritagliate la vostra tenda della forma desiderata, cucite gli orli e il gioco è fatto!

Coperture varie

Avete bisogno di un nuovo copricuscino? Le vostre scarpe di tela hanno la stoffa strappata? Volete dare un tocco tutto particolare ai vostri quaderni o ai contenitori di casa? Nessun problema: sagomando la vostra tenda potrete farle prendere la forma che preferite.

Stracci e canovacci

“Va bene, grazie. Tutto molto interessante, ma c’è un problema: la tenda da sostituire è proprio rovinata e non posso riutilizzarla in alcuna maniera. Posso buttarla?” 

No, aspetta ancora un poco: i tendaggi di cotone, anche se macchiati, bucati o strappati, sono perfetti per essere usati come stracci, canovacci o teli da lavoro. Per cui, prima di gettare via la tenda, prova a vedere se ci sono in casa abbastanza scorte di queste cose: se ne hai a sufficienza puoi procedere senza rimorsi, altrimenti mantieni la stoffa per queste evenienze.

Interessante quante cose si possono fare con le vecchie tende, vero? Avete avuto modo di sperimentare già qualcosa o state cercando un progetto che vi ispiri?




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.