Collaboratrice domestica, si può pagare ad ore?


Collaboratrice domestica




La Collaboratrice domestica può essere pagata ad  ore? La risposta è si. Il contratto per badanti e colf e le attuali norme vigenti non pongono nessun requisito minimo di ore settimanali per quanto riguarda la stipula di un contratto ma fissano, invece, le ore massime che si devono svolgere: si inizia da un massimo di 54 ore per i conviventi fino ad arrivarea a 40 ore per i non conviventi.

Questo vuol dire che è possibile assumere una colf anche per 1 ora a settimana con le medesime procedure di una colf che si assume a 40 ore settimanali o 54.

Quali sono le differenze principali legate al numero di ore a settimana nel contratto di badanti o colf?

In sintesi sono due, ovvero:

  1. C’è una netta differenza tra i collaboratori che lavorano fino a 23 ore a settimana e quelli che lavorano più di 23 ore perché l’Inps prende in considerazione la settimana contributiva completa quella in cui la badante o colf lavora 24 ore o di più.

Tutto questo ha conseguenza su vari elementi, i seguenti:




  • Se la badante o colf richiede la disoccupazione o maternità, l’inps, nel conteggio dei requisiti minimi va a valorizzare le settimane in base sempre alle 24 ore. Se, per esempio, una badante o colf lavora 12 ore a settimana, per poter avere la disoccupazione avrebbe necessità del doppio delle settimane di una colf che lavora 24 o più ore settimanali.
  • – Altra cosa non di poco conto, la pensione viene calcolata in ogni caso sempre sulle settimane di 24 o più ore contributive. Se le ore sono meno il maturato è molto basso.
  1. Le colf o badanti extracomunitarie devono ricevere un minimo al mese per poter rinnovare il permesso di soggiorno pari all’assegno social – 453 circa – e questo importo deriva anche dal numero totale di ore a settimana. Non c’è un minino di ore per quanto riguarda il rinnovo ma una paga media minima da versare ogni mese.

Per quanto concerne i datori di lavoro, infine, conviene in ogni caso stipulare sempre contratti dalle 25 ore a salire poiché i contributi per un contratto fino a 24 ore a settimana sono superiori. L’aliquota fino a 24 ore risulta più alta e dipende anche dalla paga mentre dalle 25 in su è più bassa e fissa, indipendentemente dalla paga che si percepisce.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.