Cameretta bambini, come dividerla tra fratelli


Cameretta bambini




Dividere la cameretta dei bambini, vediamo come fare passo dopo passo. Quando due fratelli, dello stesso sesso o no, si ritrovano a condividere la propria camera è molto difficile che vadano d’accordo su come dividersi gli spazi. Bisogna allora cercare una soluzione il prima possibile: organizzare nel miglior modo gli spazi e i tempi di utilizzo con turni ben precisi e qualche furbizia che solo i genitori possono avere.

E’ sempre brutto sentire due fratelli che litigano e nel peggior dei casi arrivano alle mani. Vediamo come è possibile risolvere, o meglio abbassare notevolmente, le possibilità di litigio.

Dividere gli spazi fisici

Anche le stanze più piccole, con i giusti accorgimenti, possono essere divise in maniera perfetta. Il letto a castello è una soluzione salvaspazio tra le migliori, anche se sicuramente non è una strategia per evitare litigate. Molto meglio, in questo caso, scegliere due letti separati, ciascuno con un comodino e la propria scrivania. in questa maniera ognuno avrà modo di arredare la zona personale come preferisce senza infastidire l’altro.




Rispettare le priorità è fondamentale

La maggior parte delle litigate si presentano quando uno dei due bimbi vuole svolgere un’attività incompatibile con i desideri dell’altro. Magari una vuole giocare e l’altro no. Per risolvere il tutto allora meglio suddividere gli orari.

Gli spazi social vanno divisi

Altra situazione che si presenta spesso e volentieri è quella riguardante gli inviti di amici a casa. Di consueto, chi invita vuole avere la disponibilità completa della stanza mettendo da parte la sorella o fratello. In questi  casi è meglio lasciare la cameretta gli ospiti  dedicandosi, tuttavia, al fratello rimasto solo – un’occasione da non lasciarsi scappare per passare del tempo esclusivo con un figlio solo -.

Non esasperate il problema

Nonostante ciò, nei momenti di litigio, è bene tenere a mente che condividere l’infanzia con un fratello è comunque una risorsa importantissima, perché da una valida mano a sviluppare l’empatia. Dunque, riepilogando, sono ben accetti i litigi e confronti accesi, ma con le giuste pause.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.