Filtri anticalcare, ogni quanto vanno cambiate la cartucce


Filtri anticalcare




Filtri anticalcare, ogni quanto vanno cambiate le cartucce? Ecco tutto ciò che c’è da sapere in merito.

Entrando nello specifico, ad oggi tantissime persone sparse in tutta Italia si chiedono spesso e volentieri quando cambiare le cartucce filtri anticalcare. Cerchiamo di scoprirlo insieme in questo nuovo e dettagliato post.

Nei prodotti presenti sul mercato, nella maggior parte dei casi, la cartuccia va cambiata quando inizia man mano con il tempo ad assumere una colorazione scura uniforme. Per cambiare la cartuccia anticalcare, bisogna innanzitutto estrarre il serbatoio dell’acqua fredda, eliminare la cartuccia, risistemare la nuova nel serbatoio e andarlo a riempirlo con la massima attenzione di acqua fredda fino a quando non si arriva al livello massimo.

Il calcare il pericolo numero uno

Il calcare è probabilmente il nemico numero uno dei sanitari, lavelli ecc… Ma che cosa è detto cosi brevemente il calcare? Partiamo da una definizione precisa, scientifica: il calcare è una roccia sedimentaria composta in gran parte da un minerale che prende il nome di calcite. Ma come ci arriva in casa il calcare? Anche qui la risposta sicuramente non è delle più semplici, il calcare arriva dentro le proprie abitazioni insieme all’acqua corrente che viene utilizzata tutti i giorni.

L’acqua che esce dai rubinetti della propria casa non è infatti, pura al 100%. Contiene tantissimi materiali diluiti come, appunto, la calcite, magnesio e il carbonato di calcio. Si tratta di una cosa molto comune ed esiste un’unità di misura apposita per determinarne la quantità per litro. È la cosiddetta “durezza” dell’acqua.

Perché il calcare va eliminato da tutte le superfici?

In primis è importante rimuovere il calcare da sanitari, lavelli eccc, per natura estetica. Segni e macchine di calcare sono, semplicemente, brutte e sgradevoli da mostrare. Ma questa ovviamente non è l’unica motivazione per cui il calcare andrebbe rimosso. Residui e incrostazioni infatti possono intaccare le superfici andando con il tempo a rovinare il tutto. Oppure accumularsi dentro tubazioni e rubinetti, andando a diminuire il flusso dell’acqua e provocando conseguenze disastrose.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.