Ascensore in casa, si devono chiedere i permessi per installarlo?


Ascensore




Il Glossario unico (DM 2 marzo 2018) elenca gli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche (come la realizzazione di ascensori interni, montacarichi, servoscala e rampe) tra i lavori di edilizia libera.

Per gli ascensori interni i lavori sono liberi ma non devono incidere sulla struttura portante.

Invece gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che comportino la realizzazione di ascensori esterni o di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio, non rientrano fra i lavori di edilizia libera e di conseguenza ci saranno delle richieste da presentare.

C’è bisogno della CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata) ad esempio quando l’ascensore viene installato a ridosso di un lato dell’edificio non visibile dallo spazio pubblico, con annessa consulenza di un professionista abilitato che dovrà preparare i disegni e “asseverare” la pratica.




Quindi bisognerà presentare richiesta al Comune per:

  • indicare esattamente quali interventi sono previsti
  • dichiarare che l’installazione dell’ascensore esterno rispetta gli obblighi imposti dalla legge (norme antisismiche, antincendio, igienico sanitarie ed energetiche).

Se il lavoro di installazione dell’ascensore avviene in condominio, bisognerà presentare un progetto che attesti che non si ledono i diritti degli altri condomini (alla luce, alla veduta, al godimento e all’uso delle parti comuni, e che non danneggia il valore economico dell’immobile perché ne rispetta il decoro architettonico).

Se lascensore esterno viene installato su un lato delledificio visibile dalla strada, oltre alla CILA, è necessario chiedere dei permessi specifici a seconda dei vincoli sull’immobile.

Nel caso in cui l’edificio sia di interesse storico e artistico

Nel caso in cui l’edificio sia di interesse storico e artistico, bisognerà richiedere l’autorizzazione della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio competente, che deve valutare il progetto e dare il suo parere entro e non oltre 120 giorni da quando viene presentato.

Se l’edificio non è vincolato, bisognerà rivolgersi alla Soprintendenza per chiedere l’autorizzazione, ma bisogna presentare al Comune una relazione paesaggistica redatta da un tecnico abilitato e l’Autorizzazione Paesaggistica Semplificata (DPR 31/2017).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.