Telefonia mobile, quali alternative alle più famose?


Telefonia




Quando si deve scegliere un operatore per il proprio telefono mobile, non si sa mai quale scegliere. Forse perché negli ultimi anni si sono diffusi tanti nuovi operatori virtuali alternativi alle compagnie più famose e magari anche più convenienti. Soprattutto perché la spesa mobile degli italiani è aumentata negli ultimi anni.

Il problema sta nella copertura della rete: infatti molte persone sono preoccupate dal fatto che questi operatori “meno famosi” e più nuovi, non permettano di utilizzare al meglio il proprio smartphone perché magari non c’è sufficiente campo per fare o ricevere telefonate o per navigare su internet.

Tanti gli operatori sul mercato

Oltre agli operatori WINDTRE, TIM, Vodafone e Iliad ci sono anche gli operatori virtuali come PosteMobile, ho. Mobile, Kena Mobile, Fastweb e CoopVoce.

Iliad è arrivato in Italia nel 2018 pronto ad offrire chiarezza e trasparenza ai clienti oltre che delle offerte davvero convenienti.




Anche per quanto riguarda la copertura, è quella 4G che comunque accontenta la maggior parte dei clienti.

Fra gli operatori virtuali, 5 sono quelli più noti degli ultimi anni:

  • Kena Mobile, che opera su rete TIM e ha copertura 4G
  • ho, di proprietà del gruppo Vodafone e che si appoggia proprio su questa rete, sempre con copertura 4G
  • PosteMobile, si appoggia alla rete WINDTRE ed è in grado di offrire piani tariffari completi e a prezzi più che vantaggiosi
  • CoopVoce, allo stesso modo di PosteMobile
  • Fastweb, un altro operatore virtuale che opera come gli altri due operatori precedenti.

Ogni scelta sembra essere la migliore, ci sono delle differenze che però possono dipendere dalle esigenze dei singoli utenti. Chi vuole risparmiare potrebbe optare per Iliad oppure per gli operatori virtuali più noti come Kena Mobile.

Se però si vuole navigare ad una copertura 5G, meglio optare per gli operatori più “anziani” come Tim o Vodafone che dal punto di vista delle prestazioni sono sempre i migliori anche se per quanto riguarda le tariffe, c’è ancora da spendere un po’di più rispetto agli operatori virtuali.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.