Alberi da frutta quando si piantano    


Alberi




Quando si decide di piantare degli alberi da frutto bisogna innanzitutto considerare l’albero da piantare perché esistono delle differenze fra questi: alcuni riescono a “produrre” frutta da soli perché si autoimpollinano mentre altri per farlo devono essere affiancati ad altre varietà vegetali. Ad esempio sui rami degli alberi si possono installare le casette per gli uccellini, un habitat per loro.

Nel primo caso rientrano pesco, albicocco, arancio e limone mentre nel secondo caso ci sono meli, ciliegi e la maggior parte dei peri.

Una volta fatta questa scelta

Una volta fatta questa scelta, bisognerà acquistare o le piantine in vaso o quelle a radice.

Il periodo migliore per piantare gli alberi da frutto è l’autunno, prima del gelo invernale.




Operativamente, per piantare gli alberi da frutta bisognerà:

  • scegliere uno spazio verde in cui la pianta sia esposta al sole
  • realizzare una buca larga almeno 50 centimetri e profonda circa 60 centimetri
  • dividere la terra recuperata dallo scavo in 2 cumuli e nel primo riporre quella più fertile mentre nel secondo quella degli strati più profondi del terreno
  • trapiantare sistemando dei ciottoli sul fondo della buca
  • realizzare un cumulo al centro dello scavo utilizzando la terra prelevata dagli strati più profondi (questa sarà la base per appoggiare la piantina)
  • posizionare la piantina al giusto livello; se si è acquistata in un contenitore, bisognerà regolare l’altezza del cumulo in modo che la superficie della terra del vaso venga a trovarsi allo stesso livello del suolo esterno alla buca. Se invece si è scelta una pianta a radice nuda localizzare il il punto in cui si incontrano fusto e radici (il colletto) e posizionare appena sopra il livello del suolo
  • aggiungere o togliere terra dal cumulo sul fondo della buca finché la pianta non raggiunge la posizione ideale
  • riempire la buca di terra aggiungendo prima quella ricavata dagli strati profondi e poi quella recuperata in superficie
  • annaffiare con abbondante acqua, anche nei 15 giorni successivi, senza esagerare (se la giornata è piovosa si può evitare)



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.