Stile Tiffany: storia e caratteristiche delle raffinate lampade artigianali


Tiffany




L’espressione “stile Tiffany” si riferisce a uno specifico tipo di lampade in vetro colorato che, complice la proverbiale raffinatezza, rappresentano una scelta di arredamento piuttosto diffusa negli ambienti che puntano a essere di gran classe. Ma dove nasce lo stile Tiffany e come si è evoluto nel tempo? In questo articolo facciamo chiarezza riguardo la storia e le caratteristiche di queste affascinanti lampade, piccole opere d’arte frutto di un lungo processo di lavorazione manuale.

Origine delle lampade Tiffany

Lo stile Tiffany è molto antico e fino a poco tempo fa veniva fatto risalire all’operato di Louis Comfort Tiffany, figlio di Charles Lewis Tiffany, uno dei fondatori della nota gioielleria Tiffany & Co. attiva tutt’oggi. Louis si interessò fin da giovanissimo all’arte e alla fine dell’Ottocento iniziò a sperimentare una tecnica di saldatura di pezzi di vetro per creare vetrate artistiche. In realtà, la prima designer delle lampade Tiffany fu Clara Driscoll, artista che lavorò per molti anni nel Reparto femminile di taglio del vetro dei Tiffany Studios. Grazie agli sforzi del professor Martin Eidelberg dell’Università Rutgers, intorno al 2007 Clara Driscoll venne identificata come l’artista principale dietro alle prime realizzazioni delle lampade Tiffany. In questo modo, le opere dei Tiffany Studios si possono reinterpretare secondo una nuova chiave di lettura: i capolavori che per lungo tempo furono attribuiti a Louis Comfort Tiffany e al suo team di designer uomini sono in realtà legati al lavoro e all’impegno di Clara Driscoll e numerose altre donne assunte nei Tiffany Studios.

Cos’è e come si realizza una lampada Tiffany

Le lampade Tiffany si compongono di due elementi strutturali:




  • la parte di sostegno
  • il lume Tiffany

Il cuore delle lampade Tiffany è appunto il lume, è questa la parte che viene realizzata a mano e non le parti strutturali che fungono da sostegno. Ciò significa che quando si parla di stile Tiffany ci si riferisce essenzialmente al lume, ossia alla parte in vetro.

La tecnica Tiffany

La tecnica Tiffany è molto complessa e affascinante e ci sono interi volumi a questa dedicati. Per sintetizzare, potremmo suddividere il processo di costruzione delle lampade nei seguenti passaggi:

  • il disegno sul foglio di tutti i singoli vetri che si andranno a replicare sul lume;
  • la scelta dei pezzi di vetro. Si tratta di uno dei processi più importanti, in quanto bisogna rispettare le misure esatte del lume che si vuole creare e le proporzioni espresse nel disegno. Di solito si sceglie il vetro artistico o opalescente, un vetro dall’aspetto lattiginoso che ha la caratteristica di essere coloratissimo e avere tante sfumature diverse. Questo lo rende particolarmente esposto a cambiamenti di colore generati dal passaggio della luce, in quanto le sfumature del vetro filtrano la luce in maniera sempre diversa e la restituiscono rinnovata e integrata di nuovi colori e sfumature;
  • il taglio dei vetri, ritagliati uno a uno per essere poi incastrati e saldati fra loro;
  • la bordatura dei vetri. Si crea un bordo di rame attorno a ciascun pezzo di vetro e si rende così possibile la saldatura di ogni pezzo di vetro agli altri adiacenti;
  • saldatura dei vetri. Tutti i pezzi vengono saldati mediante stagno, che si applica al rame utilizzato per la bordatura e una volta freddo diventa molto duro;
  • applicazione di una patina di protezione. Questa serve a proteggere la colorazione dei vetri ed evitare l’ossidazione dello stagno;
  • fissazione al lume delle parti strutturali.

Lampade originali e lampade in stile Tiffany

Le lampade Tiffany originali sono molto rare, quelle prodotte da Tiffany Studios si trovano ormai in vendita solo nelle aste che si fanno all’estero. Il valore delle lampade Tiffany originali è straordinario e nelle aste il prezzo di questi oggetti raggiunge cifre esorbitanti, anche nell’ordine dei milioni di dollari. Tuttavia, proprio in virtù della bellezza dello stile Tiffany, la tecnica per realizzare le lampade è stata portata in tutto il mondo con l’obiettivo di costruire prodotti fedeli agli originali ma molto più accessibili sotto il profilo economico.

Ma come si fa a distinguere le riproduzioni fedeli dalle copie prodotte industrialmente, che nulla hanno a che fare con il lungo processo artigianale alla base delle originali creazioni Tiffany? Innanzitutto, bisogna valutare il vetro, che deve essere opalescente, spesso e dai colori accesi. Alla luce della tecnica sopra descritta, i pezzi di vetro non devono essere incollati fra loro e chiaramente non deve esserci un vetro unico (questo sarebbe indicativo del fatto che si tratta di resina o plastica). Inoltre, la base deve essere in metallo, ottone, legno o marmo, mai in resina o plastica. Alcuni esempi di riproduzioni fedeli si possono osservare in queste lampade da terra in stile Tiffany con la base in metallo, che rispettano la tecnica artigianale definita da Tiffany. In fin dei conti, ciò che distingue le lampade Tiffany rispetto a tanti altri prodotti presenti sul mercato è proprio il processo di lavorazione artigianale che rende ogni lampada un pezzo unico. Ciò si traduce in un costo leggermente maggiore sul mercato rispetto agli oggetti derivanti dalla grande produzione in serie, ma il più delle volte si tratta di costi estremamente bilanciati rispetto al complicato processo di lavorazione eseguito manualmente dagli artigiani.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.