Accensione riscaldamento privato autonomo, più vantaggi che svantaggi





L’ accensione riscaldamento privato autonomo all’interno dei condomini è regolato dalle legge 10-1991, che regola sia la data di accensione dei
termosifoni ma anche quante ore possiamo tenerli accesi.
Ogni città italiana è stata inserita all’interno di 6 zone che, a seconda della caratteristica meteorologica definisce il giorno e il mese di accensione
e di spegnimento.

ACCENSIONE RISCALDAMENTO PRIVATO AUTONOMO: CONVIENE?

In molti si fanno questa domanda, se è preferibile staccarsi da un riscaldamento autonomo centralizzato oppure no. Se si analizzano i pro s
icuramente con il tempo si otterranno diversi benefici.
Tra le prime cose da valutare ci  sono i costi del riscaldamento autonomo costi che saranno ammortizzati con il passare degli anni ma che ci
permetteranno di avere dei benefici come per esempio la gestione autonoma di quando accendere durante la giornata. Chiaramente il range di accensione
che va dalle 5 di mattina alle 23 va comunque rispettata ma ci sarà chiaramente l’autonomia di accenderli quando più ci fa comodo non seguendo gli orari che il condominio ha stabilito.

Questa gestione del riscaldamento autonomo  logicamente ci aiuterà anche ad ottimizzare i consumi, evitando ad esempio di tenere accesi i
termosifoni quando non siamo a casa.

ACCENSIONE RISCALDAMENTO AUTONOMO SPESE E VANTAGGI

Se decidiamo di avvalerci del riscaldamento autonomo dobbiamo tener presente che la riforma del condominio del 2012 prevede il passaggio
da riscaldamento centralizzato a riscaldamento autonomo. Una modalità senza dubbio conveniente visto che rientra nelle detrazioni fiscali relative alla riqualificazione energetica.




Inoltre non dimentichiamo che visto il mercato libero dei gestori del gas, è possibile usufruire degli sconti che le varie compagnie offrono e cambiare gestore
in piena autonomia.
Il contro è che tutto quello che riguarda la manutenzione sia ordinaria che straordinaria ricade su di noi, inoltre anche la revisione degli impianti
che deve essere fatta per legge sarà una spesa che dovremmo aggiungere da fare ad ogni scadenza.

Non dimentichiamo che il 30 giugno 2017 è scaduto il termine per montare la valvola termostatica che permette un controllo sulla temperatura
ed un’ ottimizzazione dei consumi.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*