Energia autoprodotta, è possibile venderla?


Energia autoprodotta, è possibile venderla?




Molte persone hanno deciso di puntare sull’impianto fotovoltaico: quali sono i suoi vantaggi e le sue caratteristiche più importanti? È possibile che diventi una “fonte di guadagno”?

Installando i pannelli solari, riusciamo ad immagazzinare quanta più energia solare possibile: in seguito, l’inverter si occuperà di trasformarla in energia elettrica, che tutti possiamo utilizzare. Significa, dunque, che non dovremo più chiedere energia elettrica alle compagnie.

Come funziona la vendita di energia autoprodotta?

Non dovremo pagare le bollette e, inoltre, inquineremo molto di meno, che è l’aspetto principale per cui è stato messo a punto il sistema fotovoltaico.

Alcuni hanno pensato anche di farla diventare una “fonte di guadagno”. Come? L’energia prodotta dall’impianto non viene sempre utilizzata tutta. Questo dipende da molti fattori: in nucleo familiare, la grandezza dei pannelli installati, il fabbisogno mensile o annuale.




A questo proposito, è stata realizzata la soluzione di “ritiro dedicato”. Quest’ultima vi consentirà in breve di vendere l’energia che produrrete alla rete elettrica nazionale, la GSE. Il punto più importante da osservare, prima di procedere con questa operazione, è di calcolare nei minimi dettagli i costi, i pannelli e il nostro bisogno di energia elettrica.

Sarete protetti dai Prezzi Minimi Garantiti

Il vostro guadagno crescerà con quanta più energia solare avete da vendere. Se non ne avete abbastanza per voi, poi dovrete pagarla, chiedendola alla compagnia elettrica.

Una cosa molto importante è che, quando deciderete di vendere l’energia autoprodotta al GSE, sarete tutelati dai prezzi minimi garantiti.

Tuttavia, questi sono garantiti solo per coloro che hanno un impianto di potenza nominale fino a 1 Megawatt, per i primi 2 milioni di kwh annui immessi in rete. Dopo avere terminato di installare il vostro impianto, dovrete fare domanda entro 60 giorni.

È molto facile e veloce: vi basta accedere sul portale del GSE, allegare la documentazione e fare la richiesta.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.