Termoconvettori a gas: quanto consumano?


Termoconvettori a gas: quanto consumano?




Qual è il consumo dei termoconvettori a gas? Sono davvero così convenienti come si tende a credere? La risposta è assolutamente sì. La tecnologia dei termoconvettori è molto interessante, perché si concentra sulle moderne tecniche di innovazione.

Termoconvettori e consumo: c’è risparmio?

Contrariamente ad altri tipi di riscaldamento, i termoconvettori sono dei veri e propri impianti perfetti per riscaldare una porzione di casa abbastanza ampia. Rispetto ai termosifoni tradizionali, oltre a coprire un’area più vasta, riescono a riscaldare in maniera continua e omogenea, prevenendo i fastidiosi sbalzi di temperatura da un lato all’altro della stanza.

Come funziona la loro tecnologia? In poche parole si sfrutta il principio fisico della conversione: il calore sale, il freddo scende, e inoltre quest’ultimo viene risucchiato dall’impianto, che lo rimette in circolo sotto forma di aria calda.

Il meccanismo di termoconversione è davvero strabiliante sotto questo punto di vista. Funziona grazie alla presenza di tubi lamellari e di resistente elettriche presenti negli impianti.




Cosa sapere prima di installare i termoconvettori

Quando è consigliato l’installazione di questo impianto? Si deve osservare non solo la metratura dall’abitazione, ma anche il territorio in cui si vive. Nelle regioni più fredde, prendere in considerazione il termoconvettore è assolutamente consigliato.

I termoconvettori possono essere installati sia a parete, sia a pavimento, in base anche alle esigenze che si hanno. Oltre ai termoconvettori a gas, esistono anche i termoconvettori ad acqua ed elettrici.

Oltre a garantire un buon risparmio, i termoconvettori a gas sono particolarmente indicati per le case di montagna, dove le temperature sono piuttosto rigide. L’unico “inconveniente” è che hanno bisogno di una manutenzione costante, anche per garantire la sua sicurezza.

Il consumo è leggermente inferiore rispetto alle caldaie, ma bisogna considerare anche quanto abbiamo bisogno di utilizzarlo e se non è più indicato un termoconvettore ad acqua, molto più economico.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.