Come ricoverare le piante in inverno


La stagione invernale è ricca di elementi affascinanti e di atmosfera. Pensiamo alle luminarie, alla neve, alle serate sul divano sotto le coperte




La stagione invernale è ricca di elementi affascinanti e di atmosfera. Pensiamo alle luminarie, alla neve, alle serate sul divano sotto le coperte con il proprio compagno, o al Natale. Le giornate buie danno la possibilità di dedicarsi ad interessi che possono essere soddisfatti direttamente dal proprio salotto, come per esempio una partita a Unibet blackjack, che potrebbe anche farvi guadagnare qualche soldino. Ci sono moltissimi dettagli e caratteristiche che rendono la stagione invernale magica e indimenticabile.

Ma questa arriva portando con sé anche il freddo e il gelo, che per quanto ci siano persone che lo preferiscano al torrido caldo della stagione estiva, non è il massimo, sia per le persone che per le piante. Queste infatti, se non sono adatte alla stagione invernale, possono soffrire terribilmente a causa delle basse temperature, e spesso arrivare a morire.

È vero che negli ultimi anni, i nostri inverni non sono più particolarmente rigidi, ma al contempo è sufficiente una gelata di un paio di settimane per nuocere irreparabilmente alle nostre amate piante. Qui di seguito vi daremo perciò alcuni consigli per poter salvaguardarle durante la stagione fredda e poterne godere al meglio con l’arrivo della primavera.

Le piante che non resistono ai climi freddi

Per quanto ci siano alcune categorie di piante che sopportano le basse temperature senza problemi, e magari soffrono durante la nostra estate, ne esistono un gran numero che non hanno molte possibilità di sopravvivenza quando le temperature scendono sotto i 5 gradi. Parliamo di tutta quella serie di piante tropicali o provenienti dai climi temperati che godono del calore estivo, ma non riescono a sopportare basse temperature. Tra queste ricordiamo cactus e piante grasse, azalee, ulivi e agrumi, oleandri, e tutte quelle piante che siamo soliti vedere ad esempio nel sud Italia. Le stesse vengono spesso definite piante da appartamento. Anche i bonsai sono spesso vittime del gelo invernale.

Soluzioni per proteggerle: la serra fredda

Una soluzione molto utile e di facile realizzazione è la costruzione di una vera e propria serra, non riscaldata. Basterà semplicemente costruire o acquistare una struttura ricoperta di vetro, plexiglas o cellophane, che possono essere rimossi durante la stagione calda. La stessa va orientata verso sud, in modo che il calore del sole possa riscaldarla, e il materiale trasparente sia in grado di mantenere una temperatura interna che resta ben sopra gli zero gradi, talvolta raggiungendo anche temperature miti, molto utili per il benessere delle nostre piante. Ricoverare le vostre piantine in un ambiente simile è perciò un’ottima soluzione.

Tessuto non tessuto o TNT

Questo tessuto è formato di un materiale morbido e traspirante, molto utile per esser avvolto intorno ai tronchi o alle fronde delle piante, o direttamente intorno al vaso. Ha la capacità di isolare lo stesso, difendendolo dalle basse temperature, ma al contempo, grazie alla sua traspirabilità, non trattiene l’umidità, ed evita di conseguenza la formazione di muffe. È inoltre una soluzione veloce e pratica e si trova in commercio in tutti i negozi specializzati.

Ricovero in casa

In caso le soluzioni precedenti non siano di semplice realizzazione, esiste sempre la possibilità di ricoverare le piante in casa, o in un ambiente chiuso, durante la stagione fredda. La soluzione migliore sarebbe una cantina, un sottoscala, o uno spazio chiuso con molta luce, ma lontano dal calore emanato dai termosifoni o impianti di riscaldamento. Questo infatti secca l’aria, togliendo tutta l’umidità necessaria alle piante e alle foglie per essere belle ed in salute. In caso non possiate fare altrimenti che tenerle vicino ad una fonte di calore, ricordate di spruzzare le foglie molto spesso con acqua demineralizzata. Potete in alternativa riempire il sottovaso di ghiaia e acqua, in modo che le radici non tocchino l’acqua stessa, ma sia la sua evaporazione a donare umidità alla piante.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.