Come scegliere il giusto climatizzatore in casa


Come scegliere il giusto climatizzatore in casa




Scegliere il climatizzatore ad oggi è diventato molto difficile questo perché il mercato ne offre svariati modelli con prezzi e caratteristiche diverse senza dubbio la prima cosa da controllare è il consumo climatizzatore che può fare veramente la differenza nel risparmio.

Climatizzatore: come sceglierlo?

Durante l’acquisto di un climatizzatore in primis bisogna differenziare tra pompe di calore, ovvero gli apparecchi che sono idonei a raffrescare e riscaldare, e raffrescatori, che al contrario hanno lo scopo di rendere più fresco l’ambiente in cui sono installati. I condizionatori dunque funzionano in maniera piuttosto rudimentale: è possibile regolare a proprio piacimento la velocità dell’aria ma non la temperatura.

Passando ai climatizzatori veri e propri invece sono in grado di deumidificare l’aria e per questo consentono di impostare sia il livello di umidità preferito che la temperatura. Per questo è di vitale importanza controllare al meglio che il climatizzatore scelto da voi stesso abbia la funzione di deumidificazione. Questa opzione è importantissima considerando che consente di ottimizzare nel miglior modo possibile il risparmio energetico dell’apparecchio questo perché, il più delle volte, abilitando la funzione di deumidificazione basta e avanza per riuscire ad arrivare ad avere un beneficio istantaneo.




I sensori che controllano la temperatura

Questo genere di prodotti tra le altre cose sono caratterizzati anche da sensori appositi che li bloccano nel momento in cui si raggiungono i parametri impostati.

Detto questo, quali climatizzatore scegliere tra fisso e portatile? Iniziamo con il dire che in tanti confondono condizionatori con climatizzatori anche se ai tempi d’oggi, con i nuovi prodotti ultra tecnologici, i due nomi sono praticamente intercambiabili. Un condizionatore non è altro che un dispositivo in grado di raffreddare l’aria grazie all’uso di gas refrigeranti e non consente di regolare la temperatura voluta nell’ambiente di casa. Passando al climatizzatore, quest’ultimo è un dispositivo perfetto per riprodurre la temperatura desiderata ed uno specifico grado di umidità in un qualunque ambiente chiuso. Può sia riscaldare che raffreddare l’ambiente, funge da deumidificatore ma anche da filtro e, una volta che si raggiunge la temperatura desiderata, si blocca per riaccendersi solamente quando serve per davvero.

E i climatizzatori portatili?

Una delle prime domande che dovete porvi, quando siete alla prese con la scelta del climatizzatore, è la seguente: resterò a lungo in questa casa? Se la risposta è negativa, allora conviene più puntare su un prodotto portatile facilmente trasportabile. In questa maniera non dovrete fare nessun tipo di lavoro sui muri di casa e in particolar modo la spesa sarà contenuta. Tra l’altro quelli nuovi che stanno debuttando sul mercato sono estremamente silenziosi e sono facili da montare. I climatizzatori fissi, invece, sono perfetti per chi ha una propria casa o eventualmente è in affito e non è intenzionato ad andar via.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.