Permessi ristrutturazione casa, quanto tempo occorre


Permessi ristrutturazione




Quanto tempo serve per ottenere i permessi ristrutturazione casa, dopo aver presentato le pratiche presso l’ufficio tecnico? Cerchiano di fare chiarezza a riguardo ricordando che per molti lavori ordinari non occorrono più i permessi di ristrutturazione casa.

Il permesso di costruire viene rilasciato di consueto quando si costruisce un nuovo appartamento, si realizza una sopraelevazione e via dicendo. Non sempre si possono realizzare queste opere, in quanto, il rilascio del permesso di costruire dipende sopratutto dalle previsioni contenute nei Regolamenti locali – piani strutturali, piani regolatori ecc…-, ed è fatto nel rispetto deli regolamenti e delle leggi, sia locali che nazionali.

Quali sono i tempi di rilascio del Permesso di costruire?

Andando immediatamente al sodo vediamo a quanto ammonta il tempo di rilascio del permesso di costruire. Le domande vengono prese in carico in ordine di presentazione ed entro due mesi dalla presentazione il responsabile del procedimento deve assolutamente provvedere alla formula di una proposta di provvedimento. Entro sempre il medesimo termine il responsabile può domandare che la documentazione allegata venga implementata o che eventualmente il progetto sia modificato. Le integrazioni, infine, vanno assolutamente fatte entro le successive due settimane e, fino a quel preciso istante, il termine per emettere la proposta di provvedimento si blocca.

Il provvedimento finale viene emesso – e notificato tempestivamente al richiedente – entro un mese dall’emissione della proposta di provvedimento. L’atto in un secondo momento viene anche pubblicato sull’Albo pretorio, e i suoi estremi devono presenziare in un cartello esposto presso il cantiere.




Da non sottovalutare i vincoli della zona

Se l’appartamento oggetto dell’intervento viene sottoposto a qualsiasi vincolo ambientale, paesaggistico o culturale, il tempo stimato di 30 giorni decorre dal rilascio dell’atto di assenso – tassativo, perchè in questa circostanza non vale il principio del “silenzio-assenso” -.

In caso di emissione mancata del provvedimento, la domanda di rilascio del permesso di progettare si intende come accolta – principio per l’appunto del silenzio-assenso -, e possono cosi iniziare i lavori.

In conclusione, se nel corso dei lavori ci sono delle piccole modifiche, ma che non vanno a modificare per nessuna ragione la destinazione d’utilizzo e la categoria edilizia, non alterano la sagoma dell’immobile e non violano alcun tipo di prescrizione dettata dal permesso di costruire, si può presentare la Scia.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.