Permessi ristrutturazione, come presentare la richiesta


Permessi ristrutturazione




Quando si deve rifare casa occorrono  i permessi ristrutturazione, vediamo insieme passo per passo come agire per presentare la richiesta senza commettere alcun errore.
Ognuno di noi, in tutta la propria vita, si trova obbligato per un motivo o l’altro a dover svolgere a casa dei piccoli lavori di ristrutturazione. Quando arriva il momento, è di vitale importanza prestare la massima attenzione ai permessi da richiedere al proprio comune di appartenenza. Va ricordato che per alcuni lavori oggi non occorre chiedere i permessi ristrutturazione un modo intelligente per snellire le pratiche negli uffici.

Permessi ristrutturazione, affidarsi ad un esperto

E’ anche importante evidenziare che nel 99% dei casi, quando si appaltano i lavori ad un’impresa edile, quest’ultima ha le conoscenze adeguate e si avvale di veri esperti del settore cosi da eseguire ogni lavoro rispettando alla lettera le regole. Tuttavia, per voi stesso, noi personalmente riteniamo che sia importante sapere quali siano le normative in corso cosi da essere preparati.

Per quali opere di ristrutturazione sono necessari i permessi?

Iniziamo con il sottolineare che nel caso di manutenzione ordinaria la legge non prevede alcun tipo di permesso o di dover svolgere una comunicazione di inizio lavori. Come accennato qualche riga sopra, serve comunque stare attenti perchè qualche comune potrebbe, anche in queste circostanze, richiedere una comunicazione o pretendere addirittura l’invio della modulistica unificata C.I.L. (comunicazione di inizio lavori).




Per quanto riguarda gli interventi di manutenzione straordinaria che non prevedono nessun tipo di modifica della struttura dell’immobile, serve presentare la comunicazione di inizio lavori assertata conosciuta con il nome di C.I.L.A. (comunicazione di inizio lavori assertata). Di vitale importanza per richiedere l’intervento di un geometra che si occuperà di redare tutti i documenti con cura, presentando una relazione cosi da stabilire la conformità dei lavori rispetto alle norme vigenti.

La manutenzione straordinaria

In caso in cui le opere di manutenzione straordinaria rientrino in interventi non contemplati, per quanto riguarda la ricostruzione edilizia, restauro e risanamento conservativo, serve presentare tassativamente una S.C.I.A. (segnalazione certificata di inizio attività).

Dunque riepilogando possiamo evidenziare che i permessi servono per qualsiasi tipo di intervento di ristrutturazione escluse tutte quelle opere di manutenzione ordinaria. La S.C.I.A la può presentare solo ed esclusivamente un tecnico abilitato in forma telematica presso lo sportello unico per le attività produttive (SUAP).
Cosa accade se vengono eseguite opere edili senza presentare, come era richiesto, la S.C.I.A.?
Non si commette alcun reato, per cui non è prevista alcuna sanzione di tipo penale. Però, il non rispetto della legge può portare a multe salate da 500 fino a 10000 euro.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.