Risparmio bolletta elettrica, cosa significa la classe elettrodomestico


Risparmio bolletta




Risparmiare sulla bolletta ai tempi d’oggi è importantissimo. L’utilizzo razionale dell’elettricità a casa propria evitando ogni spreco possibile non solo va a contribuire in maniera significativa a salvaguardare l’ambiente circostante, ma consente al tempo stesso di avere un risparmio netto di denaro. Per abbassare il consumo di energia serve pensarci da subito sin dall’inizio dell’acquisto di un qualsiasi elettrodomestico, andando a puntare in particolar modo quelli a basso consumo.

Come riconoscere un elettrodomestico a basso consumo?

Bisogna fin da subito sottolineare che non tutti gli elettrodomestici con funzioni uguali consumano la stessa energia alla stessa maniera. Per rendere il più semplice possibile il confronto fra loro, una direttiva dell’Unione Europea del lontano 92′ stabilisce un’etichettatura per indicare l’efficienza energetica di ogni prodotto. Cosi, ogni apparecchio viene classificato secondo una “Classe di Consumo Energetico”, ovvero una scala riferita a valore medi europei che va dalla lettera A – consumi bassi – alla lettera G – consumi elevati -. Le etichette non vengono indicate solo con delle lettere ma anche con delle precise colorazioni, dal verde scuro per i dispositivi di massima efficienza A-, fino ad arrivare al rosso che è quello che consuma maggiormente- G -.

L’etichetta energetica

Nel corso del 2010 l’etichettatura energetica è stata ulteriormente ampliata con altre classi di ultima generazione che si aggiungo alla classe A, ovvero: A+, A++ e A+++. La differenza tra queste c’è e come: un elettrodomestico A++ pensate un po’ è in grado di consumare fino al 50% in meno di energia rispetto a uno A. Figuriamoci se si acquista un prodotto A+++ quanto si risparmio si può ottenere!







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.