Infissi in legno, che tipo di manutenzione hanno bisogno


Infissi in legno




Infissi in legno, che tipo di manutenzione hanno bisogno? Sicuramente sono molto belli ma senza dubbio sono più delicati di un infisso in alluminio o in pvc. Ricordiamo che un buon infisso aiuta il bilancio familiare perché permette di evitare sprechi energetici e quindi di fatto un risparmio sui consumi.

Rispetto a qualche anno fa, ad oggi grazie alle sue specifiche meccaniche, estetiche e tecniche, il legno viene usato per quanto riguarda la realizzazione di infissi. Tuttavia, gli infissi in legno, contrariamente a quanti pensano richiedono un tipo di manutenzione attenta e in particolar modo costante, perché la loro continua esposizione alle intemperie nel lungo periodo va a produrre un fortissimo degrado.

Le patologie più ricorrenti negli infissi in legno sono:

  • – Attacchi di insetti xilofagi:
  • – Attacchi di uccelli
  • – Presenza di funghi
  • – Stagionatura inadeguata
  • – Difetti del legno come nodi, cipollature o fenditure da ritiro troppo evidenti
  • – Ripetuti cicli stagionali di umidità e successivo essiccamento, causa di fenditure da ritiro, screpolature e perdita di contatto tra i diversi pezzi di un infisso.
  • – Cause meccaniche o accidentali, come incendi, scarsità di manutenzione, urti

Manutenzione ordinaria di un infisso in legno: ecco come svolgerla

Se eseguite una manutenzione costante non avrete di certo bisogno di metodi drastici per gli infissi in legno. Per questo una delle migliori manutenzioni ordinarie che esistano di un infisso, sia moderno in legno lamellare o massiccio, che di pregio o antico, è sicuramente la pulizia da fare con regolarità. Quello che si accumula sugli infissi, infatti, non è sola polvere: intrappolati nella sporcizia ci sono agenti inquinanti presenti nell’atmosfera. Questo genere di sostanze corrodono con il tempo la vernice e attaccano in maniera pesante il legno. Eliminarle con acqua, detergenti netrui e stracci dunque è consigliato.

A cadenza costante, si può anche fare qualche piccolo ritocco alla vernici in maniera da andare a chiudere le primissime crepe evitando in questo modo che il tutto peggiori drasticamente. Per fare questo serve in primis lavare e levigare la parte da trattare con carta vetrata fine, di seguito spolverare accuratamente i residui che rimangono. Proseguendo, usando un pennellino, si applica un primissimo strato di vernice va lasciato seccare per max 12 ore prima di continuare a una seconda passata.




In caso non ve la sentite di curare al meglio gli  infissi in legno, potete sempre chiamare periodicamente un esperto del settore che lo farà per voi. La scelta in questi casi è personale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.