Risparmio energetico: quali lampadine scegliere


Risparmio




Un modo per risparmiare sull’energia elettrica in modo intelligente è utilizzare le lampadine a risparmio energetico che consumano di meno e soprattutto durano molto di più.

Le lampadine a basso consumo energetico

Le lampadine a basso consumo energetico o a risparmio energetico sono anche dette Cil (compatte fluorescenti): hanno una maggiore efficienza e permettono di risparmiare ma impiegano più tempo per raggiungere la massima luminosità.

Sono inoltre molto fragili e dunque si rompono facilmente.

Inoltre, perdono di intensità quando ci sono basse temperature.




Questi piccoli inconvenienti sono ampiamente compensati dal fatto che il risparmio, con queste lampadine, si aggira attorno all’80% in più rispetto alle altre lampadine e questo permette una loro vita media che va dalle 4.000 alle 8.000 ore.

Un altro tipo di lampadine sono quelle al led (diodo ad emissione luminosa) che possono essere di vario tipo e producono luce bianca.

Ci sono di varie forme, hanno l’attaccatura a vite (E27) o a mignon (E14) e durano fino a 50.000 ore e, a differenza delle altre, si accendono immediatamente senza produrre calore.

Sono più resistenti e, se si sceglie una lampadina da 60W, consumerà soltanto 5W (a differenza di una lampadina normale) quindi il 90% in meno, durando anche 20 volte in più.

Rispetto alle lampadine a basso consumo energetico ad incandescenza, costano molto di più ma in relazione a ciò che offrono, la scelta di acquistarle è comunque logica dato che nel tempo, si risparmia.

Un consiglio per scegliere le lampadine

Comunque un consiglio per scegliere le lampadine, è imparare a leggere la confezione: non bisogna focalizzarsi sulla potenza, e quindi sui Watt, ma sui lumen ovvero sull’intensità luminosa.

Per una luce forte, meglio scegliere 2.000 lumen mentre per le luci non principali, e quindi se si ha bisogno di meno potenza, andranno bene anche le lampadine da 1.000 lumen.

Per una lampada da scrivania, invece, basteranno 500 lumen.

I gradi Kelvin indicati sulla confezione, invece, fanno capire il colore della luce: se sono tra 2.400 e 3.300 gradi, si parlerà di bianco caldo, altrimenti la luce sarà più fredda.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.