Cila, quando va richiesta?   


Cila




Ogni volta che si debbano iniziare dei lavori di ristrutturazione nella propria casa o nel proprio condominio, bisogna inviare le opportune comunicazioni al Comune, pena delle sanzioni.

La Cila sta per Comunicazione Inizio Lavori Asseverata

La Cila sta proprio per Comunicazione Inizio Lavori Asseverata, ed è una comunicazione che bisogna inviare al proprio Comune nel caso in cui si vogliano iniziare degli interventi o dei lavori di manutenzione straordinaria del proprio edificio, che però non prevedano modiche strutturali.

Nel caso in cui i lavori di ristrutturazione prevedano delle modifiche alla struttura dell’edificio, invece, va inviata al Comune la SCIA (cioè la Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

La Cila va richiesta quindi in caso di:

  • interventi di manutenzione straordinaria che non coinvolgano parti strutturali
  • piccole ristrutturazioni che non coinvolgano parti strutturali
  • abbattimento di barriere architettoniche anche con modifiche alla sagoma dell’edificio, come l’installazione di ascensori esterni
  • realizzazione di pertinenze minori con volume minore del 20% dell’immobile principale
  • movimentazione di terra non inerente all’attività agricola
  • costruzione di serre con muratura

È dunque una semplice comunicazione che permette, una volta fatta, di iniziare sin da subito i lavori, anche il giorno stesso, senza dover aspettare alcuna autorizzazione.




Quando si richiede, però, bisogna consegnare tutti i documenti necessari e cioè:

  • il modulo Cila (che contiene i dati e le informazioni utili a registrare i lavori di manutenzione straordinaria)
  • la documentazione grafica (i disegni con i lavori che si vogliono svolgere)
  • la ricevuta di pagamento per eventuali diritti di segreteria del Comune
  • la dichiarazione di assenso di terzi proprietari (ove presente)
  • i documenti di identità (del dichiarante, dei terzi proprietari e del progettista)
  • altri eventuali documenti relativi a casi specifici

Per tutti questi adempimenti è opportuno assumere un tecnico esperto, come un architetto o un ingegnere, che si occuperà, oltre che della presentazione della giusta documentazione, anche di verificare che i lavori edilizi si svolgano in conformità con i regolamenti edilizi, che gli strumenti urbanistici siano conformi e che nei lavori di manutenzione siano escluse le parti strutturali dell’edificio.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.