Cila, a chi va inviato l’inizio lavori casa      


Cila




Cila sta per Comunicazione Inizio Lavori Asseverata e indica la comunicazione che si deve presentare al proprio Comune quando si vogliono iniziare degli interventi o lavori di manutenzione straordinaria della propria casa o condominio, che però non prevedono modifiche strutturali.

In pratica la Cila va richiesta in caso di:

  • piccole ristrutturazioni che non coinvolgano parti strutturali
  • abbattimento di barriere architettoniche anche con modifiche alla sagoma dell’edificio, come l’installazione di ascensori esterni
  • realizzazione di pertinenze minori con volume minore del 20% dell’immobile principale
  • movimentazione di terra non inerente all’attività agricola
  • costruzione di serre con muratura

La Cila va quindi presentata al proprio Comune di riferimento, e precisamente all’Ufficio tecnico, per via telematica, compilando gli appositi modelli.

Si può presentare servendosi dello Sportello Unico per l’Edilizia (o SUE) o utilizzando l’e-mail o PEC allegando la documentazione necessaria:




  • il modulo Cila (che contiene i dati e le informazioni utili a registrare i lavori di manutenzione straordinaria)
  • la documentazione grafica (i disegni con i lavori che si vogliono svolgere)
  • la ricevuta di pagamento per eventuali diritti di segreteria del Comune
  • la dichiarazione di assenso di terzi proprietari (ove presente)
  • i documenti di identità (del dichiarante, dei terzi proprietari e del progettista)
  • altri eventuali documenti relativi a casi specifici

Per la stesura di tutti questi documenti si può decidere di rivolgersi ad un tecnico esperto (ad esempio un architetto, un ingegnere, un geometra o un perito industriale) che si occuperà di verificare che i lavori edilizi si svolgano in conformità con i regolamenti edilizi (ad esempio con la normativa sismica o quella sul rendimento energetico in edilizia), che gli strumenti urbanistici siano conformi e che nei lavori di manutenzione siano escluse le parti strutturali dell’edificio.

Una volta presentata la Cila si possono cominciare da subito i lavori, senza attendere alcuna autorizzazione.

A fine lavori, però, bisognerà necessariamente presentare gli atti necessari per effettuare l’aggiornamento catastale tramite la comunicazione di fine lavori.
[smiling_video id=”278324″]


[/smiling_video]


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.