Cedolare secca: che cos’è e come funziona?


Cedolare secca: che cos’è e come funziona?




Quante volte, magari cercando un nuovo immobile, ci siamo imbattuti nella richiesta di cedolare secca? Ma che cos’è nello specifico e come dobbiamo comportarci in merito?

Per definizione, la cedolare secca è un’imposta, che potrebbe fissarsi al 21% o al 15%. È il contratto di affitto che stabilisce quale delle due percentuali bisognerà pagare.

Definizione della cedolare secca e contesti in cui si applica

Anzitutto, la cedolare si applica solamente ad alcuni contesti abitativi, non tutti. Gli immobili devono rientrare nelle categorie abitative del gruppo A per potere usufruire della cedolare secca: l’unica eccezione in merito è il gruppo A10, in cui rientrano gli uffici e gli studi privati.

Tutte le altre abitazioni possono richiedere la cedolare secca: signorile, economico, civile, popolare, rurale, ultrapopolare, ville e villini, alloggi e palazzi con pregi artistici o storici.




Quanto dura la cedolare secca?

A questo punto, è normale chiedersi come sia possibile richiedere la cedolare secca. Quando i proprietari avranno trovato l’inquilino, potranno sceglierla al momento della registrazione del contratto di locazione. Sarà poi l’Agenzia delle Entrate a dare il modulo approvato.

Per quanto riguarda la sua durata, invece, questa può protrarsi fino alla fine del contratto: possono anche esserci eventuali proroghe. Ovviamente, è possibile revocare la cedolare secca qualora il proprietario lo decidesse.

Per coloro che hanno scelto il canone libero, ovvero il 4+4, dovranno pagare il 21% del canone di locazione. Invece, chi ha sottoscritto il canone concordato, il 3+2, dovrà solamente pagare il 15% del canone di locazione.

Solitamente, la cedolare secca viene applicata maggiormente ai contratti con studenti universitari. L’unico obbligo nei confronti di questa pratica è di doverla pagare entro i termini stabili dalla legge. La particolarità della cedolare secca riguarda proprio il canone: sarà fisso per tutta la durata del contratto.

Per il resto, non ci saranno ulteriori canoni da pagare.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.