Periodo Accensione Riscaldamento, chi decide le date e gli orari?


Periodo Accensione Riscaldamento, chi decide le date e gli orari?




L’autunno è ormai una realtà tangibile: cominciano a scendere le temperature, il primo freddo si fa sentire ed è il periodo accensione riscaldamento. Ma come funzionano nelle varie regioni d’Italia? E che cosa sono le Zone Climatiche nello specifico?

Chi è che decide l’accensione dei riscaldamenti centralizzati?

Se diamo una rapida occhiata sul web, ci possiamo subito rendere conto che ogni provincia e ogni comune rientrano in una determinata zona climatica. Ciò significa che quelle province devono attenersi a una data di accensione e di spegnimento dei riscaldamenti. Oltre a questo, la legge specifica per quante ore al giorno possono usufruirne e qual è la temperatura massima concessa a ogni abitazione.

Ovviamente, dobbiamo fare una distinzione: queste date si riferiscono solamente ai riscaldamenti centralizzati e non ai riscaldamenti autonomi, per quanto vi consigliamo caldamente di non tenerli accesi per tutto il giorno. I riscaldamenti, infatti, emettono gas nocivi per l’ambiente, oltre a consumare una ingente quantità di energia elettrica.

Zone climatiche, accensione e spegnimento, durata e temperatura massima

Di seguito, vi lasciamo un po’ di definizioni per chiarirvi le idee. È la legge 10/1991 che regola questo aspetto della nostra vita.




  • Zona climatica: si distinguono in A, B, C, D, E, F. Ogni zona climatica definisce la data di accensione e di spegnimento dei riscaldamenti, oltre alla durata massima giornaliera;
  • Date di accensione e spegnimento: sono le date in cui potrete beneficiare del riscaldamento. Tutte le città devono tenere conto di queste date;
  • Durata: la durata del riscaldamento giornaliero varia in base alla zona climatica. Chi abita in montagna potrà usufruire di un riscaldamento maggiore rispetto alle zone di mare;
  • Temperatura massima: per legge, la temperatura massima è di 20 gradi, con una piccola differenza di 2 gradi in più. Dunque, il limite consentito è di 22 gradi, oltre il quale scattano delle conseguenze.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.