Comodato d’uso casa ai figli, perché è vantaggioso farlo


Comodato d'uso casa ai figli, perché è vantaggioso farlo




Avete mai sentito parlare del comodato d’uso casa e del contratto comodato d’uso? Bisogna sapere che stipulare un contratto di comodato d’uso gratis tra genitori e figli quando i primi decidono di cedere il diritto, indeterminato o temporaneo, di uso di una casa comporta numerosi benefici fiscali: effettuando la registrazione del contratto si possono ottenere riduzioni importanti su TASI e IMU.

Cos’è il contratto di comodato d’uso gratuito?

Il contratto di comodato gratis di una casa viene stipulato quando lo stesso proprietario, chiamato comodante, decide di cedere il diritto di un immobile a un altro indivudo, il comodatario. La cessione può essere fatta sia temporanea che a tempo indeterminato: nel primo caso il diritto torna al proprietario della casa alla conclusione del periodo stabilito e per tale diritto non viene corrisposto nessun canone. Per questa semplice motivazione, è una forma molto popolare e utilizzata tra genitore e figlio, per i quali registrare il contratto comporti in termini economici diversi vantaggi.

Perché registrare il contratto: i vantaggi

Effettuando la registrazione del contratto direttamente all’Agenzia delle Entrate, si può ottenere un’esenzione del 50% di TASI e IMU, purché il contratto tra genitore e figlio rispetti i seguenti requisiti riportati qui sotto:




  • Il proprietario della casa deve vivere nello stesso Comune dell’immobile venduto in comodato d’uso;
  • La casa ceduta in comodato d’uso deve diventare l’abitazione principale dove vive il comodatario;
  • Il comodante, all’interno del Comune, può avere solo due appartamenti: uno come casa principale e l’altro concesso ai figli in comodato;
  • L’immobile concesso in comodato non dev’essere di lusso.

Come effettuare la registrazione del contratto di comodato d’uso tra genitori e figli

Si può procedere alla registrazione del contratto di comodato gratis affidandosi all’Agenzia delle Entrate
compilando l’apposito modello 69, presentando in due copie di carta. Al fine della registrazione, per
ogni 4 pagine presenti di contratto, ogni 100 righe, bisogna acquistare tassativamente una classica
marca da bollo del valore di 16 euro. Al modello 69, tra le altre cose, va affiancato il modellO F23,
tramite il quale sostenere un’imposta fissa di circa 200 euro. Non bisogna allegare, invece, l’attestato di
prestazione energetica, utile per effettuare la registrazione dei contratti di locazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.