Comodato d’uso casa, serve un contratto?


Comodato d'uso casa, serve un contratto




Avete mai sentito parlare del comodato d’uso casa? Serve un contratto comodato d’uso oppure no? Cerchiamo di fare chiarezza.

Iniziamo con il dire che in questo genere di pratiche il contratto è tassativo. Il comodato non è altro che un contratto tramite il quale il comodante, da in consegna al comodatario, un immobile o bene mobile per un tempo determinato di utilizzo, alla scadenza del quale vi è l’obbligo di restituzione del bene ricevuto.

Il comodato viene rilasciato completamente gratis – altrimenti in caso contrario si parlerebbe di locazione – e può essere sia in forma scritta che verbale, ma in caso di immobile il contratto è meglio venga registrato in forma scritta recandosi all’Agenzia delle Entrate, entro due settimane dalla data di stipula.

Scioglimento del contratto di comodato quando avviene?

Nel caso di comodato con determinazione di durata, il comodante e gli eredi hanno potere di rescindere il contratto in qualsiasi momento, ma solo se:




  • Urgenze del comodante medesimo;
  • Il comodatario non custodisce e conserva la cosa con diligenza del padre di famiglia facendone l’utilizzo determinato dal contratto o dalla natura dello stesso bene; o se eventualmente il comodatario concede a terzi il bene senza il permesso diretto del comodante;
  • Per morte improvvisa del comodatario.