Design cucina, rinnovare l’arredamento con stile


Design cucina




Che gli italiani abbiano un legame particolare con la cucina è cosa nota. Lo dicono anche i dati delle ricerche su Homelook.it, secondo cui gran parte dell’attenzione degli utenti è riservata proprio a questo ambiente domestico.

Quello che non sapevamo è che molti, piuttosto che rinunciare all’arredamento a cui sono tanto affezionati preferiscono modificare qualche dettaglio, e avvicinarsi così a gusti e tendenze attuali senza cambiare ogni cosa.

E allora, come intervenire su una vecchia cucina? Ecco per voi 5 progetti di relooking realizzati da interior designer interpellati dalla piattaforma di arredamento e design.

Vintage per vocazione

Ridefinire l’aspetto della cucina uniformando lo stile. Punta a questo Cinzia Corbetta, La gatta sul tetto, nel suo progetto di restyling.

La designer si confronta qui con una cucina dal sapore country chic, eliminando eccessi e ridondanze. Come la cappa in legno bianco, che lascia il posto a un più moderno modello in acciaio inox. Anche le nuove sedie puntano a una maggiore sobrietà, con la loro struttura in metallo anticato.

L’ambiente vira verso l’industrial style, che con lo stile originario ha in comune un forte legame con il passato. Ecco che l’ambiente si arricchisce di lampade a sospensione dal sapore decisamente vintage.

Quando il bianco incontra il legno


Il bianco è protagonista assoluto nel progetto di restyling proposto da Mariana Bettinelli, Interior Notes, che parte da una caratteristica cucina anni ’80 per sposare la pulizia del nordic style.

Profili e maniglie vengono smaltati di bianco, mentre il tutto assume rilievo sulle pareti ritinteggiate in grigio chiaro. Spazio al legno, un materiale tipico dello stile scandinavo, che conquista il tavolo e le sedie. E poi, ancora, il mobile basso e il piano della cucina, che assume così un carattere più moderno.

E come non notare la nuova lampada a sospensione? La sua eleganze e funzionalità dona classe all’ambiente e si presta a riscaldare l’atmosfera di una tranquilla serata in compagnia.

Eleganza come sinonimo di personalità


Giorgia Congiu, GiCiArch, riesce qui a trasformare una cucina in stile scandinavo in una cucina contemporanea , più vicina ai gusti degli italiani. Ma come?

Prima di tutto, grazie all’utilizzo di una speciale carta da parati artistica ispirata alla natura. Ecco che l’ambiente si riveste di modernità, accarezzando i presenti con le sue note dolci e romantiche.

Si abbinano perfettamente al rivestimento le nuove sedie in velluto turchese che circondano il tavolo in legno, ispirando il riposo. Magari, accarezzati dai raggi del sole che traspaiono dalle morbide tende a pacchetto introdotte in sostituzione delle più rudimentali veneziane.

E che dire della lampada a sospensione in vetro soffiato? Un vero tocco di charme ed eleganza.

Quel dettaglio boho chic

Con Fabio Cipriano ed Emanuela Carratoni, CAFElab architetti, ci addentriamo in una tipica cucina moderna. Qui, però, l’esigenza è di fare un po’ di ordine.

Prima di tutto, nella nuance di basi e pensili, troppo distanti nel loro blu e bianco. Ecco che il bicolore netto lascia il posto a due tonalità differenti dello stesso colore, il verde petrolio. Una scelta non casuale, ma legata all’esigenza di sposare la tranquillità del blu all’energia del verde.

Troppo fredda in origine, la cucina assume calore grazie alle finiture satinate e cromate di lavello, rubinetto e pomelli. Un ampio tavolo appare a centro stanza, pronto ad accogliere gli ospiti. E come non notare il nuovo lampadario dall’accento boho-chic?

Vitalità in cucina


Trovare un equilibrio tra vuoto e pieno attraverso l’attenzione ai dettagli. Si rapporta così Martina Cima, Spunti e Virgole, con una cucina minimal e senza vita.

La designer porta così allo scoperto oggetti di uso quotidiano, come la tazza in ceramica bianca con cui accompagnare momenti di raccoglimento. Tra gli utensili mostrati, si staglia sul freddo marmo una composizione di taglieri in legno dall’anima scandinava. Rigorosamente di design anche il thermos e il macina sale e pepe.

Un coppia di mensole nere corre lungo il piano di lavoro, creando un inequivocabile segno grafico. Nuova luce arriva dalle lampade in stile industriale introdotte in sostituzione delle precedenti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.