Gardinaggio, terriccio quale va utilizzato per i vasi


Gardinaggio




Cura del giardino, in tanti ad oggi si domandano ogni giorno quale terriccio utilizzare per i vasi. Il terriccio, come molti di voi ben sanno, non è altro che quell’insieme di composto del suolo, minerali e vegetali che servono tassativamente alla crescita sana e in particolar modo al nutrimento delle piante. Ogni specie vegetale, per crescere nel miglior modo, ha necessità di un terriccio o terreno con caratteristiche specifiche chimico fisiche che ne permettono un drenaggio più che buono della pianta, un rilascio adeguato delle sostante nutritive e una miscelazione buona con i concimi utilizzati cosi da favorire una rigogliosa e sana crescita vegetale. Esistono tantissimi tipi di terriccio, ma quale va utilizzato per i vasi? Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Terriccio piante in vaso: ecco tutto ciò che c’è da sapere

Ogni pianta ha necessità del suo terriccio per questo bisogna sapere le loro caratteristiche cosi da imparare a dosare nel miglior modo i componenti corretti del terriccio. Le piante in vaso hanno necessità di un terreno con un livello di umidità buono, che permetta una rigogliosa e sana crescita dell’apparato radicale. Le grandezze e lo spazio disponibili nel vaso vanno a condizionare in maniera significativa la quantità di sostanze organiche e di principi nutritivi da dare allo stesso terriccio. In vaso, il terreno deve risultare il più soffice possibile, umido e drenato a dovere. Di estrema importanza è anche il livello di porosità dello stesso che deve assolutamente impedire l’accumulo in grandi quantità di umidità con conseguente marcescenza delle radici.

Il terriccio presente all’interno del vaso dev’essere tassativamente arricchito ulteriormente da sostanze nutritive ritenute fondamentali per quanto riguarda la crescita di una qualsiasi pianta – fosforo, potassio, azoto -, e da microelementi essenziali al suo corretto sviluppo come zinco, ferro, calcio ecc… Tutte quante le sostanze organiche bisogna somministrarle in maniera graduale e sopratutto in proporzione al genere di pianta che si decide di coltivare.

Il terreno perfetto per le piante in vaso dev’essere composto da:

  • Concimi organici che vadano a favorire uno sviluppo sano delle radici;
  • Torba;
  • Humus;
  • Sabbia, per permettere il drenaggio dell’acqua andando ad evitare il marciume;
  • Roccia vulcanica – specie perlite – cosi da garantire al terreno umidità e al tempo stesso morbidezza.

In conclusione, tutti i vari componenti del terriccio si devono miscelare con cura in proporzioni variabili prendendo in considerazione le specie coltivate. La quantità di terreno dipenderà in particolar modo anche dal genere di vaso che si utilizza: per quanto concerne le fioriere di forma rettangolare di dimensioni pari a 50 cm servono come minimo 50 litri di terriccio, mentre per vasi circolari o di forma quadrata – con diametro o lato da 50 cm circa – bastano più o meno 40 litri.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.