Periodo accensione riscaldamenti Roma 2020, ecco le date 


Periodo




Per scaldarsi durante l’inverno, è necessario accendere i riscaldamenti. Ovviamente dopo aver fatto controllare la caldaia e il suo corretto funzionamento. Ricordiamo che è importante scegliere i termosifoni in base alle metrature della stanza.

Periodo accensione, dipende dalla zona

In Italia, per l’accensione di questi nei condomini oppure per l’accensione degli impianti centralizzati presenti in scuole e università, si segue un calendario stabilito per legge che prevede delle date scaglionate per zone.

Ci sono sei diverse zone climatiche in Italia (A-F) che indicano i Comuni più caldi e quelli più freddi: si parte con l’accensione dei riscaldamenti il 15 ottobre (per le città o province più fredde) e a seguire andranno tutte le altre.

Lo spegnimento è invece previsto all’incirca per il 15 aprile.

Roma fa parte della Zona D e l’accensione dei termosifoni e dei riscaldamenti centralizzati è prevista per il primo novembre fino al 15 aprile, con orario giornaliero di 12 ore (nell’arco orario che va dalle 5 alle 23).




Di questa zona climatica fanno parte la costiera ligure, le province del centro Italia non appenninico, le aree centrali e le due isole maggiori.

Assieme a Roma, rientrano anche le province di Genova, Firenze, La Spezia, Savona, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo, Vibo Valentia.

Si definisce la zona climatica e quindi quando devono essere accesi o spenti i riscaldamenti invernali in base ai gradi giorno (GG) che corrispondono alla somma, estesa a tutti i giorni dell’anno, della sola differenza positiva tra la temperatura dell’ambiente interno (temperatura convenzionale fissata a 20 °C) e la temperatura media esterna giornaliera.

Sebbene le date siano previste dalla legge, possono essere derogate in situazioni climatiche straordinarie impreviste.

La decisione spetta al Sindaco del Comune interessato dal calo delle temperature: può posticipare la data di spegnimento dei riscaldamenti oppure anticipare l’accensione (come visto) ma anche decidere per una variazione sulle ore di erogazione.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.