DAD, quando riaprono le scuole?


DAD




L’emergenza Coronavirus ha impedito il normale proseguimento delle lezioni tanto che ormai si attende l’arrivo del 2021 per riavere, forse, la riapertura delle scuole. Fino ad adesso, infatti, le lezioni sono proseguite in modalità “didattica a distanza” (la cosiddetta DAD) al fine di limitare le occasioni di contatto e quindi di scongiurare il rischio di eventuali contagi.

DAD, difficoltà per i genitori che lavorano

Una soluzione che però mette di fronte a diverse difficoltà, soprattutto per i genitori lavoratori dei ragazzi più piccoli e soprattutto per quanti non ritengono la DAD una metodologia didattica efficace come quella in presenza.

Antonello Giannelli, presidente dell’associazione nazionale presidi, ha dichiarata a La Repubblica che la DAD potrà essere proseguita ancora per un po’, soprattutto per gli studenti più grandi, ma per i più piccoli non è assolutamente auspicabile terminare l’anno scolastico in questo modo.

Dunque si spera in un ritorno sui banchi di scuola subito dopo le vacanze di Natale, quindi a partire dal 7 gennaio 2021: ovviamente prima di rendere ufficiale questa decisione sarà necessario valutare la situazione dei contagi e dei decessi in Italia.




I mezzi pubblici scolastici

Quello che si sa è che se davvero le scuole riapriranno a gennaio, è necessario prevedere un maggior numero di strumenti, di mezzi e di autisti per garantire la sicurezza per gli studenti, gli insegnanti e per tutti coloro che lavorano a scuola.

La Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è fiduciosa che l’apertura delle scuole ci sarà davvero il prossimo 7 gennaio. Durante un’intervista alla trasmissione Mezz’ora, ha dichiarato che nel Governo c’è assoluta coesione, e che si sta lavorando affinché possano tornare alle lezioni in presenza anche i ragazzi delle superiori.

La Azzolina ha aggiunto dicendo che la scuola a settembre e a ottobre ha funzionato bene per merito della comunità scolastica e delle misure messe in pratica per il distanziamento e le mascherine. Purtroppo, però, quando i contagi sono aumentati e le ASL si sono trovate in difficoltà, si è chiesto il sacrificio di continuare le lezioni a distanza e di chiudere le scuole.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.