Accensione riscaldamento 2020/2021, le fasce orarie


Accensione




L’Italia è stata suddivisa in 6 zone climatiche, a seconda delle quali dipendono il periodo e l’orario di accensione del riscaldamento condominiale. Si parte dalla zona A (zona sud orientale e delle isole) in cui il riscaldamento condominiale è concesso dal primo dicembre fino al 15 marzo, per un massimo di 6 ore al giorno. Riscaldare una casa dipende da molti fattori uno di questi è la grandezza dei termosifoni che si installano nelle varie stanze che non devono essere sottodimensionati.

Gli orari per l’accensione riscaldamento

Si tratta dei comuni di Lampedusa, Linosa e Porto Empedocle.

Nella zona climatica B (zona tirrenica, di Agrigento, Catania, Crotone, Messina, Palermo, Reggio Calabria, Siracusa e Trapani) si può accendere il riscaldamento condominiale dal primo dicembre fino al 31 marzo per un massimo di 8 ore al giorno.




Poi c’è la zona climatica C rappresentata dalle province di Imperia, Latina, Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari e Taranto.

In questa zona, definita adriatica settentrionale, si può accendere il riscaldamento condominiale dal 15 novembre fino al 31 marzo per un massimo di 10 ore al giorno.

Nella zona climatica D (zona appenninica), il periodo di accensione del riscaldamento condominiale va dal primo novembre al 15 aprile per un massimo di 12 ore al giorno.

Fanno parte di questa zona Genova, La Spezia, Savona, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo e Vibo Valentia.

Nella zona climatica E (zona padana), l’accensione del riscaldamento condominiale può avvenire dal 15 ottobre fino al 14 aprile per un massimo di 14 ore al giorno.

Le province interessate sono quelle Alessandria, Aosta, Asti, Bergamo, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Novara, Padova, Pavia, Sondrio, Torino, Varese, Verbania, Vercelli ma anche Bologna, Bolzano, Ferrara, Gorizia, Modena, Parma, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza, Arezzo, Perugia, Frosinone, Rieti, Campobasso, Enna, L’Aquila e Potenza.

Infine, nella zona climatica F, cioè quella alpina che interessa le province di Cuneo, Belluno e Trento, non ci sono limitazioni né per il periodo che per l’orario di accensione del riscaldamento condominiale.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.