Pozzo in giardino, servono i permessi per farlo?    


Pozzo




Per realizzare un pozzo la normativa italiana prevede una regolamentazione dettagliata a riguardo. Si tratta molto spesso di pozzi artesiani ovvero quei pozzi che si ottengono dalla trivellazione del terreno fino a raggiungere una falda d’acqua.

Cosa dice la legge

Poi l’acqua, per il principio dei vasi comunicanti, sale in superficie senza l’ausilio di alcun artificio tecnologico. La legge stabilisce che il proprietario o l’utilizzatore del terreno può estrarre e utilizzare liberamente le acque dal suolo purché siano rispettate le distanze dai confini e dai tubi preesistenti, e sempre che i lavori vengano realizzati nel modo corretto e opportuno.

Per la realizzazione vera e propria del pozzo in giardino, invece, si rimanda alle disposizioni della regione d’appartenenza. Comunque, innanzitutto occorre sempre verificare presso l’ufficio tecnico comunale che la propria zona non sia soggetta a vincoli idrogeologici.

Poi richiedere le autorizzazioni inviando diversi documenti all’ufficio provinciale competente per il suolo e le acque sotterranee (come ad esempio la comunicazione al voler realizzare un pozzo ad uso domestico) ed allegare la planimetria del terreno che illustra il punto in cui si intenderà procedere allo scavo.




La documentazione necessaria

I documenti sono: copia di un documento d’identità insieme all’atto di proprietà (o di disponibilità) del terreno. L’impresa che esegue il lavoro dovrà poi rilasciare un documento di avvenuta perforazione, avendo cura di dichiarare la natura del pozzo e del terreno.

Al Comune di competenza, invece, sarà necessario presentare una semplice S.C.I.A. che comunichi l’inizio dei lavori. Se il pozzo da realizzare rientra in un’area protetta o deve essere sottoposto alla valutazione di incidenza ambientale, occorre anche il parere della regione di appartenenza (l’autorizzazione, se validamente ottenuta, ha una durata di un anno, prorogabile di ulteriori sei mesi).

Le autorizzazioni relative al pozzo artesiano sono di richiedere anche per quanto riguarda l’utilizzo dell’acqua (ogni anno va inoltrata all’organo competente che ha rilasciato l’autorizzazione la dichiarazione sul volume d’acqua prelevato durante l’anno precedente)



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.