Prato sintetico, come e dove posarlo


Prato




Il prato sintetico viene sempre più scelto perché bello da vedere ma anche per il fatto che non ha bisogno di una particolare manutenzione periodica, a differenza dell’erba vera e propria. Un motivo su cui riflettere in questo periodo in cui si rimette mano al giardino.

Un vantaggio del prato sintetico

Un altro vantaggio è che può essere installato su qualsiasi superficie, anche sul terreno naturale.

In questo caso, però, bisognerà prima preparare il terreno e trattare la superficie per un risultato ottimale, altrimenti si potrà procedere direttamente con la posa.

Per prima cosa, quindi, iniziare con il togliere tutta l’erba presente, le radici e le erbe infestanti per evitare che si crei una superficie non uniforme sotto il manto.




L’importante è mantenere una certa pendenza del fondo sottostante così da garantire il deflusso dell’acqua e non un suo ristagno; passare alla posa del bordo impermeabile lungo tutto il perimetro dell’area.

Aggiungere il substrato e iniziare con il livellare utilizzando ghiaia, granito fine triturato o pietre sminuzzate.

Lisciare la base creata con un rastrello, continuare a livellare e annaffiare in modo da compattare il tutto.

Conclusa la fase di preparazione, iniziare con la posa vera e propria del prato sintetico.

A questo punto si tratta di stendere il manto erboso vero e proprio sulla superficie da coprire; essendo pesante, non si può fare questo lavoro da soli.

Allungare ogni striscia e collocarla man mano sulla base (se necessario, tagliare e modellare le strisce della dimensione opportuna, utilizzando un taglierino o un coltellino).

Cucire fra loro le strisce di prato appena tagliate e piazzarle con l’adesivo che sarà arrivato in dotazione (o in altro modo); agganciare il prato lungo il perimetro dell’intera area utilizzando paletti galvanizzati e verniciati per esterni o dei punti metallici per fissare il bordo esterno dell’erba sintetica a terra.

Aggiungere materiale di riempimento nell’erba appena posata e applicare uno strato di materiale a mano (ripetere la procedura più volte finché i fili d’erba non siano tutti coperti uniformemente per circa la metà della loro lunghezza).

Infine, spazzolare e bagnare il prato.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.