Dicondra, un prato diverso ma più delicato     


Dicondra




Il prato di dicondra è molto utilizzato negli ultimi anni perché a quasi nulla manutenzione, anche se un tempo era ritenuta un infestante. Probabilmente la causa di questa scelta va ricercata nel fatto che questo prato non necessita di essere tagliato e forma facilmente un tappeto di 3 centimetri, in altezza.

Sopporta bene i diversi climi, caldo e freddo, non ama però le temperature molto basse (sotto i 5°C) e l’esposizione diretta al sole.

La variante più diffusa è la Dicondra Argentea

La variante più diffusa è la Dicondra Argentea che assume un colore che va dal verde chiaro al grigio e viene utilizzato anche nei vasi oppure tra le pietre a formare proprio delle cascate.

Ancora, può essere utilizzata per chiudere e coprire delle piccole zone del giardino oppure come pavimentazione a fuga ampia o interstizi. Quindi è un prato diverso, che ben si adatta a chi preferisce i tappeti erbosi a foglia larga ma non ha il pollice verde per dedicarsi a tanta manutenzione.




È delicato perché è un prato soffice da calpestare, data la morbidezza della foglia. Anche per quanto riguarda l’irrigazione, non necessita di molta acqua e sono da evitare i ristagni, quindi non eccedere con l’acqua.

Quindi, chi si appresta a scegliere questo manto erboso deve avere ben chiaro che non saranno necessarie tante cure, soprattutto nella fase successiva alla crescita.

Infatti, solo la fase iniziale, quella dello sviluppo, è la più delicata: bisognerà infatti fare attenzione alle infestanti, che andranno rimosse minuziosamente a mano.

Un consiglio

Un consiglio è quello di lavorare il terreno anche un mese prima, facendo nascere tutte le erbacce ed effettuando un diserbo totale e poi procedere dopo due settimane circa a seminare, dopo aver effettuato una rastrellatura superficiale, ed utilizzare dei concimi specifici che facilitino la germinazione.

Una volta che la pianta avrà preso terreno, non ci sarà più bisogno di particolari attenzioni, anche perché gode di una proprietà di autogenerazione che le permette di riparare velocemente le zone eventualmente danneggiate del prato e di proteggersi da sola dalle infestanti.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.