Porfido, quando si utilizza   


Porfido




Molti ambienti, soprattutto esterni, sono realizzati in porfido, una pietra resistente e durevole. Per questo capiterà di vedere questa pavimentazione lungo le strade di campagna, in piccoli sentieri di giardino, in terrazzi e così via. Un ottimo materiale per pavimentare il giardino e l’esterno della casa.

Originaria da una roccia vulcanica

Originaria da una roccia vulcanica ed è formato per il 65% da una pasta vetrosa e per il resto da micro cristalli di quarzo. Il nome deriva dal greco antico (porfyroús), che significa viola, per il colore della pietra, ma in realtà tanti sono i colori esistenti: grigio, marrone, bianco, rosso.

Si hanno notizie dell’utilizzo del porfido sin dagli antichi Etruschi e poi Egizi ma anche i Romani lo utilizzavano proprio perché capirono subito che era una pietra resistente e durevole.

Il materiale ricavato dalle cave viene lavorato in differenti formati, partendo da lastre più o meno spesse, e si ottengono cubetti o piastrelle. Il porfido a cubetti viene utilizzato sopratutto nelle strade cittadine, piazze, spazi pubblici e giardini privati ed esteticamente sembra un sanpietrino.




Il porfido a piastrella invece viene utilizzato soprattutto nell’edilizia residenziale per le pavimentazioni esterne. Lo scarto serve a formare graniglia a scopo stradale, per creare ghiaietti o viottoli di campagna.

Il porfido si utilizza nell’ambito edilizio e stradale

In definitiva il porfido si utilizza nell’ambito edilizio e stradale, perché perfetto per costruire pavimentazioni esterne, piazze pubbliche, vialetti privati e spazi verdi comuni.

È infatti una pietra consigliata in luoghi ad alto traffico e in aree sottoposte ad agenti atmosferici quindi piazze, marciapiedi, aiuole di giardinetti e aree verdi.

Ma trova anche impiego nell’architettura residenziale in scale, davanzali e giardini privati, per costruire vialetti pedonali, gazebo, sentieri nel giardino.

Viene utilizzato anche all’interno o per pavimentare superfici di centri commerciali, musei, luoghi pubblici ad alto traffico di persone perché è molto resistente al calpestio, all’usura e alle sollecitazioni meccaniche e la sua manutenzione e pulizia sono veloci (dato che basta un comune detersivo domestico).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.