Amianto: cos’è? È perché è importante che sia rimosso? Tutto quello che c’è da sapere


Amianto




In caso di presenza d’amianto, gli enti pubblici, i privati o le aziende sono obbligati a provvedere al suo smaltimento, o più precisamente rimozione, in quanto può essere dannoso. Ma cos’è l’amianto? E come va rimosso? Approfondiamo tutto quello che c’è da sapere.

L’amianto, chiamato anche asbesto, è un minerale naturale di aspetto fibroso e struttura microcristallina, appartenente alla componente chimica dei silicati, del serpentino e degli anfiboli. La sua composizione chimica è costituita da fibre molto fini suddivise in fasci e si ottiene attraverso l’estrazione. Le sue caratteristiche più importanti sono la resistenza al fuoco, l’isolamento termico ed elettrico, la resistenza agli acidi e il fatto che si possa mescolare facilmente ad altri materiali. Il suo costo di produzione è basso e trova utilizzo in molti campi, come quello dell’edilizia, dei trasporti e dell’industria. Dal 2005, però, l’utilizzo dell’amianto è vietato in Europa perché dannoso: per questo motivo, quando parliamo di rimozione e smaltimento di amianto è assolutamente vietato fare uso di metodi “fai da te”, ma è necessario rivolgersi a una ditta specializzata e iscritta ad apposita categoria, al fine di escludere i rischi e procedere in maniera opportuna.

Rimozione e smaltimento dell’amianto: obblighi previsti dalla legge

Dal 1994 sono vietate in Europa l’estrazione, l’importazione, l’estrazione e la produzione di amianto, di prodotti di amianto e contenenti amianto. A livello Nazionale è la legge 257/92 a decretare in Italia questa normativa, attraverso un programma di dimissione per quanto riguarda i materiali friabili, considerati i più pericolosi, e, dopo due anni dalla stessa entrata in vigore, anche per i materiali compatti.




La stessa legge decreta chi deve comunicare la presenza dell’amianto presso le unità sanitarie locali, ovvero i proprietari di immobili e anche gli Enti pubblici devono provvedere all’individuazione della presenza di amianto nelle strutture di loro proprietà e farlo presente nella Azienda sanitaria competente per territorio (ASL, ATS, USL ecc..), che a sua volta deve annotare il tutto su un registro sulla presenza dell’amianto friabile sul territorio.

In diverse regioni d’Italia, come la Lombardia, esiste anche l’obbligo di comunicazione dell’amianto compatto come il fibrocemento, solitamente presente nelle tubazioni, nelle lastre di copertura e in altri manufatti.

È importante precisare che solo le figure competenti possono accertare la presenza di questo pericoloso materiale, come un tecnico quale un coordinatore amianto abilitato ai sensi della Legge n. 257/92 e DPR 08/08/19994. Nella maggior parte dei casi questa figura è presente nelle aziende specializzate, anche se poi le analisi specifiche verranno affidate ai laboratori autorizzati, iscritti negli elenchi e aggiornati dal Ministero della Salute.

Perché l’amianto è dannoso?

L’amianto è considerato dannoso e pericoloso a causa della capacità che ha il materiale di rilasciare fibre che l’uomo può inalare. Queste fibre sono pericolose perché si dividono in senso longitudinale, a differenza delle altre fibre che lo fanno in modo trasversale. Come accennato prima, i materiali più pericolosi sono quelli di tipo friabile, che si rivelano particolarmente dannosi quando disperdono le loro fibre nell’ambiente circostante per effetto di qualsiasi tipo di contatto o sollecitazione meccanica, eolica, stress termico o dilatamento di acqua piovana. Questo aspetto è dato anche dallo stato di conservazione: in ogni caso, in via definitiva l’amianto friabile è considerato più pericoloso e dannoso dell’amianto compatto.

Le malattie date dall’amianto possono manifestarsi anche molti anni dopo la prima esposizione e sono considerate molto gravi: infatti, quando l’esposizione è alta e avviene l’inalazione, possono insorgere l’asbestosi, ovvero una cicatrizzazione del tessuto polmonare che si manifesta con respiro affannoso e meno resistenza allo sforzo, o il tumore polmonare. In caso di bassa esposizione si può andare incontro al mesotelioma, un tumore maligno raro e grave.

Costi e incentivi sulla rimozione dell’amianto

I costi per la rimozione dell’amianto variano da diversi fattori, ovvero: il tipo di intervento, la tipologia dei manufatti (se sono friabili o compatti), ma anche se l’intervento viene svolto all’aperto o al chiuso.

I costi sono sicuramente elevati, ma esistono degli incentivi come il Super Bonus 110%. La spesa comprende la rimozione, l’incapsulamento, il confezionamento e lo smaltimento in centri di stoccaggio o discariche autorizzate. Devono anche essere valutati gli oneri per le opere provvisionali.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.