Calcolo Imu 2017 come si fa, chi deve pagare e chi è esentato


Calcolo Imu 2017 come si fa, chi deve pagare e chi è esentato




Siamo vicinissimi alla scadenza IMU e TASI 2017 che prevede il versamento dell’acconto il prossimo 16 dicembre.
Importante infatti è sapere come effettuare il calcolo IMU 2017 per procedere con il pagamento dell’acconto.
Come abbiamo visto questo mese è uno di quei mesi abbastanza impegnativi dal punto di vista dei pagamenti ed è importante mettere a calendario
tutte le scadenze fiscali del mese di dicembre 2017.
Infatti oltre alle scadenze del 16 dicembre dell’ IMU e della TASI 2017, ci sarà anche la terza rata rottamazione cartelle dopo la proroga al 7 dicembre.
Fortunatamente dal fronte scadenza IMU e TASI lo scorso anno dopo la revisione c’è stata la riduzione degli immobili che non sono agibili e che sono sotto vincolo.
La cosa più importante è sapere come si fa il calcolo IMU 2017 per evitare errori e sanzioni.

Calcolo IMU 2017 scopriamolo nel dettaglio

Come sappiamo l’insieme delle tasse IMU e TASI e la TARI formano lo IUC, l’imposta unica comunale che raccolgono l’insieme delle tasse sulla casa.
Ovviamente grazie a queste entrate i comuni dovrebbero, e il condizionale è d’obbligo, garantire una serie di servizi utili al cittadino e al miglioramento delle città. Miglioramenti che vanno dalle strade, ma anche dal verde pubblico passando per i servizi.
Nel dettaglio è importante sapere che per quanto riguarda l’IMU e la TASI sono esentati da pagamento i proprietari di prime case, in pratica quella in cui si vive e
dove si ha la residenza.

Cambia la situazione se la prima casa è inserita tra gli immobili di lusso presso il catasto, in quel caso il pagamento IMU e TASI è dovuto.
E quindi si dovrà procedere con il calcolo IMU seconda casa per effettuare i pagamenti.
Il pagamento IMU e TASI invece spetta a tutti coloro che sono proprietari di seconde case, aree edificabili, locali commerciali e immobili ad uso aziendale.

Conoscere le aliquote per effettuare il calcolo IMU 2017

Per conoscere la cifra da pagare si dovrà moltiplicare la base imponibile con l’aliquota.
Il risultato sarà orientativamente la cifra da pagare.
Per avere le giuste aliquote ed evitare di sbagliare cifre è possibile collegarsi al sito del ministero dell’economia in cui sono trascritte le aliquote comuni italiani.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.