Risparmio bollette luce, ecco alcuni trucchi da seguire


Risparmio bollette luce, ecco alcuni trucchi da seguire




Tutti gli italiani, ogni mese, devono fare i conti con il costo della bolletta della luce. Ovviamente, ognuno di noi cerca di risparmiare, sulla spesa, sugli hobby, magari per permettersi un viaggio o una giornata di totale relax. Ma è possibile avere un risparmio bollette luce per mettere da parte qualche soldo?

Poi arriva la bolletta della luce e i nostri sogni si infrangono, inevitabilmente: come fare allora per consumare di meno? Quali sono i metodi di risparmio bolletta più diffusi?

Fate attenzione ai vostri elettrodomestici

Ebbene, consumare meno luce non salva soltanto il nostro portafogli da una perdita ingente di soldini, ma anche l’ambiente! Infatti, è il boiler elettrico che pesa maggiormente sulla bolletta.

Inoltre, sono proprio gli elettrodomestici vecchi che aumentano in modo significativo la bolletta della luce. Cambiare i propri elettrodomestici, per adeguarli a una classe energetica A+++, è il primo metodo che vi consigliamo di attuare.




Al giorno d’oggi, ogni elettrodomestico in commercio deve necessariamente riportare l’etichetta di consumo, grazie a una normativa europea in vigore da qualche anno. Con l’etichetta di consumo, scopriremo in modo facile e veloce qual è il peso dello specifico elettrodomestico sulla bolletta.

Si parte dalla classe A fino alla A+++, ovvero quelle che negli anni vi permetteranno di risparmiare in modo consistente. Sì, questo genere di elettrodomestici ha un costo piuttosto importante, almeno all’inizio, ma in seguito comincerete a risparmiare.

Fasce orarie, caricabatterie e luce a LED: ecco come consumare meno

Fate attenzione, inoltre, alle fasce orarie di consumo. Molte compagnie elettriche prevedono un aumento del totale, se si richiede l’energia elettrica nella fascia oraria prestabilita.

Un altro modo per risparmiare è di staccare i caricabatterie dalla presa di corrente se non sono attualmente in uso: sapevate che, nonostante non stiano caricando, il caricabatterie richiede comunque un consumo elettrico?

Un altro ottimo metodo è l’utilizzo delle luci a LED, soprattutto in presenza di un buio non eccessivo.




1 Commento

  1. Per quanto riguarda gli elettrodomestici, è sempre bene scegliere modelli di fascia alta. Ne guadagniamo in efficienza energetica ed affidabilità, rispetto a modelli più economici. La meccanica e la componentistica ben dimensionate infatti evitano guasti e rotture nel tempo, cosa che invece affligge gli elettrodomestici più a buon mercato. Mediamente tra questi si registrano i primi problemi seri tra il secondo e il terzo anno di vita, costringendoci all’assistenza che fuori garanzia può costare anche cara. E spesso, anziché riparare, molti consumatori preferiscono ricomprare l’elettrodomestico. Andrea Pilotti – Guida Acquisti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.